Torna il lancio dei sacchetti: i furbetti della differenziata sporcano Vasto Marina - Residenti chiedono le fototrappole. I responsabili rischiano multe salate
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Ambiente 03/02

Torna il lancio dei sacchetti: i furbetti della differenziata sporcano Vasto Marina

Residenti chiedono le fototrappole. I responsabili rischiano multe salate

Vasto Marina: sacchetto dell'immondizia abbandonato in via PucciniIl lancio del sacchetto. Lo fanno coloro che non ne vogliono sapere di separare i rifiuti per consentirne il riciclo.

I furbetti della differenziata tornano a colpire a Vasto Marina. La foto pubblicata da Zonalocale è stata scattata nella tarda serata di ieri in via Puccini, a pochi metri dall'incrocio con la statale 16. Qualcuno è passato con l'automobile, ha abbassato il finestrino e si è disfatto dell'immondizia. Non è una novità. Prima del 20 giugno 2016, giorno in cui il Comune di Vasto ha avviato la raccolta differenziata nella località balneare, cassonetti e cestini del quartiere attorno alla ex stazione ferroviaria erano sempre stracolmi di pattume indifferenziato. Proprio in via Puccini e lungo la vicina via Spalato venivano abbandonati anche elettrodomestici, scarti dell'edilizia e perfino qualche water. 

Tolti i cassonetti con l'avvio del porta a porta, sono rimasti gli incivili. I residenti chiedono alla polizia locale di installare le fototrappole: telecamere per incastrare i responsabili e multarli. Chi inquina rischia di dover pagare fino a 600 euro. Solo perché non ha voglia di differenziare l'immondizia che produce. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi