Mancano gli anestesisti, all’ospedale di Vasto si rischia il blocco degli interventi chirurgici - Senza provvedimenti clamoroso blocco da sabato prossimo
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


20 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 29/01

Mancano gli anestesisti, all’ospedale di Vasto si rischia il blocco degli interventi chirurgici

Senza provvedimenti clamoroso blocco da sabato prossimo

Il 'San Pio'Rischio stop agli interventi chirurgici al "San Pio da Pietrelcina" di Vasto da sabato prossimo.

L'assenza di medici anestesisti si è acuita a tal punto che saranno garantiti solo gli interventi urgenti e di emergenza se non saranno presi provvedimenti in queste ore. 

La situazione preoccupa e non poco. Le indiscrezioni raccontano di una lettera del direttore del reparto di Anestesia, Filippo Marinucci, inviata agli altri primari del nosocomio e per conoscenza a Thomas Schael, che annuncia la limitazione del servizio agli interventi urgenti e d'emergenza a partire dal primo febbraio appellandosi all'azienda sanitaria per scongiurare un clamoroso blocco.

La vicenda non è certo una novità, lo sanno bene quei pazienti che sono passati da un rinvio all'altro a causa della mancanza degli anestesisti e che tra pochi giorni rischiano di doversi accodare in altre strutture. Se fino alla fine del mese alcuni turni saranno coperti dal personale dirottato dagli ospedali di Chieti, Lanciano e Ortona, dall'imminente febbraio – complice anche una lunga assenza per malattia – a restare operativi saranno solo dieci medici. La situazione sembra ricalcare quella di qualche tempo del reparto di Radiologia. 

L'avviso pubblico della Asl per i nuovi anestesisti a tempo determinato è scaduto una settimana fa ed è andato deserto, probabilmente si farà un concorso, ma i tempi sono lunghi.
Inevitabili sono anche gli effetti sul personale restante oberato da un maggior carico lavorativo e dall'impossibilità di godere delle ferie (si parla complessivamente di 1700 giorni accumulati).

Così, la crisi degli anestesisti, seppur figlia di difficoltà di lunga data, si preannuncia come il primo vero – triste – tormentone sanitario di quest'anno dopo un 2019 terminato con il taglio del nastro dell'agognata nuova tac.

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       

      Chiudi
      Chiudi