Costone orientale bello e fragile: sta cedendo la balconata di via Santa Lucia - Problema dissesto non solo nel centro storico
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 28/01

Costone orientale bello e fragile: sta cedendo la balconata di via Santa Lucia

Problema dissesto non solo nel centro storico

Vasto: la balconata di via Santa LuciaLa balconata è inclinata. Il marciapiede pieno di crepe. 

Il ciglio del belvedere di via Santa Lucia sta cedendo.

Non solo il centro storico. È tutto il costone orientale di Vasto a dare segni di smottamento. 

Le foto sono state scattate da Zonalocale ieri mattina lungo il tratto di balconata che va dall'antica cappella dedicata a Santa Lucia, da anni puntellata, fino all'incrocio con via San Domenico Savio. 

Fenditure ampie due dita sul piano di calpestio. Pali, ringhiere e parapetti in cemento pendono verso la scarpata: sono i segni evidenti dello scivolamento dell'orlo del costone.

Il dissesto idrogeologico è un problema tutt'altro che nuovo a Vasto. Alla fine degli anni Ottanta fu necessario chiudere per mesi via Tre Segni per consentire indispensabili lavori di consolidamento. Altri interventi furono necessari nel primo decennio degli anni Duemila al di sotto di via San Michele. Nelle scorse settimane, il Governo nazionale ha assegnato alla Regione Abruzzo i fondi che serviranno a rinforzare la Loggia Amblingh: 800mila euro per i lavori più urgenti. Ma ne servono molti altri per mettere in sicurezza tutta la zona panoramica. Tanto bella quanto fragile. 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi