Tre lavoratori licenziati al Todis di San Salvo, "Dalla società silenzio assordante" - Il punto vendita all’interno del centro commerciale "Insieme"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Tre lavoratori licenziati al Todis di San Salvo, "Dalla società silenzio assordante"

Il punto vendita all’interno del centro commerciale "Insieme"

Preoccupazione per la crisi del Todis di San Salvo, all'interno del centro commerciale "Insieme": tre dipendenti sono stati licenziati nei giorni scorsi alla fine del turno dopo oltre 10 anni di esperienza. Il punto vendita dal settembre scorso è gestito dalla società Lipsa srl che si occupa anche di un altro negozio a Ortona. Il supermercato di proprietà del Conad Adriatico da circa due anni accusa difficoltà, "soprattutto da quando proprio la stessa azienda – dice Elena Zanola della Filcams Cgil Chieti – ha rilevato un altro ipermercato a pochi chilometri, innescando di fatto una pericolosa concorrenza interna alla cooperativa stessa, frutto della altissima concentrazione che il marchio ha ormai nella nostra regione".

"Abbiamo chiesto alla Lispa, nelle ore successive al licenziamento, di revocare i licenziamenti e di convocare subito un tavolo di confronto con la Filcams per valutare quali possono essere le misure alternative al licenziamento. Ma fino ad oggi abbiamo dovuto registrare un silenzio assordante".

"Il cambio di marchio da Conad a Todis, il discount del gruppo, non è riuscito a risolvere completamente la situazione. Per questo nel 2018 era stato siglato un accordo per l'utilizzo di un ammortizzatore sociale, la Fis e i lavoratori hanno dunque stretto i denti e lavorato un anno intero per rilanciare il punto vendita [LEGGI]".

La nuova gestione, accusa la Zanolo, non si sarebbe distinta per la capacità di colloquiare con i sindacati e con i dipendenti. Un esempio sono i tre licenziamenti "comunicati a bruciapelo senza nessun tentativo di confronto con il sindacato e con i lavoratori per cercare di capire come affrontare la situazione, come trovare soluzioni alternative che permettessero di preservare il posto di lavoro di tutti i dipendenti. I licenziamenti vanno revocati! Non ci fermeremo e difenderemo in ogni sede i diritti dei tre lavoratori".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi