Trabocchi, il via libera: possono diventare ristoranti. A Vasto bando per nuove strutture - La Commissione ha recepito la legge regionale. Menna: "A breve il Consiglio"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 aprile 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

bar_chartInfografiche Covid Abruzzo keyboard_arrow_up keyboard_arrow_down

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 27/01

Trabocchi, il via libera: possono diventare ristoranti. A Vasto bando per nuove strutture

La Commissione ha recepito la legge regionale. Menna: "A breve il Consiglio"

(foto Renato Cieri)I nuovi trabocchi si faranno e anche quelli esistenti "potranno essere destinati a finalità turistico-ricettive e gastronomiche", annuncia il sindaco di Vasto, Francesco Menna

"Su iniziativa mia e dell'assessore all'Urbanistica, Giuseppe Forte, stasera la Commissione Assetto del Territorio, presieduta da Marco Marra, ha dato il via libera al recepimento della nuova legge regionale sui trabocchi", dice il primo cittadino. Non solo le strutture che già ci sono potranno diventare ristoranti, ma se ne potranno costruire altre: "Faremo il bando per i nuovi trabocchi", conferma Menna.

La Commissione ha anche esaminato le varianti per l'ampliamento del cimitero ("costruiremo mille loculi e 63 cappelle", spiega il sindaco) e la ristrutturazione del terminal bus di via Conti Ricci. Entrambi i documenti approderanno in Consiglio comunale, che sarà convocato "a breve", dice Menna. Nei giorni scorsi, i consiglieri comunali Vincenzo Suriani, Francesco Prospero (Fratelli d'Italia), Guido Giangiacomo (Forza Italia), Edmondo Laudazi (Il Nuovo Faro) e Alessandro d'Elisa (gruppo misto) hanno inviato una lettera al prefetto di Chieti, Giacomo Barbato, per chiedergli di convocare il Consiglio comunale, visto che è scaduto il termine di venti giorni previsto dalle norme. Per l'amministrazione, il termine non è perentorio e le questioni proposte dall'opposizione (pista ciclabile abbandonata in contrada Lebba e strade dissestate) non giustificherebbero la convocazione d'urgenza. 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi