"Bagni pubblici chiusi, perché il Comune non li fa gestire da una cooperativa?" - La lettera di Orlando Palmer (Movimento Iustitia Nova)
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 26/01

"Bagni pubblici chiusi, perché il Comune non li fa gestire da una cooperativa?"

La lettera di Orlando Palmer (Movimento Iustitia Nova)

Vasto: bagni pubblici in via Tre SegniAffidare la gestione dei bagni pubblici di Vasto "ad una cooperativa che, oltre a mantenere puliti e in buone condizioni i wc, si faccia carico anche della manutenzione". Lo chiede all'amministrazione comunale Orlando Palmer, segretario provinciale del Movimento Iustitia Nova

In una lettera aperta destinata agli assessori al Patrimonio, Luigi Marcello, e ai Servizi, Gabriele Barisano, il rappresentante dell'associazione ricorda che i servizi igienici "sono chiusi da molto tempo al terminal bus di via Crispi", dove c'è il capolinea degli autobus urbani e le fermate di molti pullman extraurbani: "Vasto, città turistica, città centro di comprensorio, non può essere abbandonata a se stessa. Visto che - sostiene Orlando Palmer - gli assessori non sono all'altezza del compito, facciamo un appello al sindaco, Francesco Menna, di interessarsi personalmente dell'annoso problema". 

In passato i bagni pubblici, in particolare quelli di via Porta Palazzo e via Crispi, ma anche dell'arena comunale (attualmente chiusa in attesa della ristrutturazione) e di Vasto Marina, sono finiti nel mirino dei teppisti, che li hanno più volte devastati

Palmer chiede all'amministrazione di non lasciarli incustoditi: "Ho già fatto in passato queste proposte, ma fino ad ora senza alcuna risposta; evidentemente a questa amministrazione non interessano il decoro e la civiltà di questa città".

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi