Il tradizionale canto del San Sebastiano con il gruppo Vasto com’era - In versi e musica la storia del soldato romano martirizzato
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Eventi 20/01

Il tradizionale canto del San Sebastiano con il gruppo Vasto com’era

In versi e musica la storia del soldato romano martirizzato

Con il canto del San Sebastiano, alla vigilia della festa liturgica che si celebra oggi, 20 gennaio, si chiude il ciclo dei canti tradizionali che caratterizzano il mese di gennaio. Ieri sera il gruppo Vasto com'era, formato dagli storici cantori e musici popolari della città, ha intonato il canto in cui si ricorda la storia del soldato romano nato a Milano, martirizzato due volte per la sua fede cristiana. Una prima volta fu legato ad un palo e colpito da frecce. Miracolosamente Sebastiano non morì, ma ripresentatosi dall'imperatore Diocleziano, fu condannato nuovamente e flagellato a morte. Il canto, come da tradizione, si conclude con la richiesta di doni da condividere poi tutti assieme dal gruppo. 

"I canti di questua si cantano anche negli altri paesi dell'Abruzzo - ha spiegato Don Gianfranco Travaglini -. Invece il canto a San Sebastiano è una caratteristica di questa zona. San Sebastiano è patrono dei muratori e dei vigili urbani. Il gruppo, nel canto, invoca San Sebastiano come protettore della puntura. Con questo termine italianizzato si intendono le malattie della punta del petto, le malattie respiratorie, per cui si invoca il Santo". 
 

Guarda il video

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti


Video - Il San Sebastiano - Vasto com'era

Immagini di Nicola Cinquina



 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi