Semafori e sicurezza: "A Vasto situazione insostenibile" - Palmer, Iustitia Nova: "Si prendano provvedimenti"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


15 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 13/01

Semafori e sicurezza: "A Vasto situazione insostenibile"

Palmer, Iustitia Nova: "Si prendano provvedimenti"

Semafori spenti

Quello dei semafori spenti e fuori norma a Vasto, è un problema noto ormai da anni. Gli impianti della città infatti, eccezion fatta per i due nuovi semafori di Vasto Marina, sono vecchi e quasi tutti non conformi alle normative vigenti. Per la loro sostituzione, secondo una stima fatta dal Comune negli scorsi anni, servirebbero circa 150-200 mila euro.

Sull’argomento è tornato a discutere, in una lettera indirizzata all’Assessore Luigi Marcello, il segretario provinciale dell’Associazione Iustitia Nova, Orlando Palmer. “La sicurezza dei cittadini deve essere al primo posto”, afferma Palmer che, nella giornata di ieri, a seguito della segnalazione di alcuni cittadini, ha percorso con loro alcune strade documentando la situazione degli impianti semaforici. Secondo Palmer “la situazione è insostenibile, ed è inaccettabile che una città come Vasto abbia semafori spenti o obsoleti. Palmer invita pertanto l’assessore Marcello e il Comandante della Polizia locale, Del Moro a “prendere i provvedimenti opportuni.”

Nei giorni scorsi è stato riacceso il semaforo all’incrocio tra Corso Mazzini e Via Giulio Cesare, dove la scorsa settimana si era verificato un incidente, il secondo nel giro di 24 ore in corrispondenza di incroci con impianti semaforici spenti.

Guarda le foto

di Serena Smerilli (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi