"In contrada San Bernardino l’asfalto rifatto a macchia di leopardo è gia rotto" - Generoso, Galante e Moretti: "L’amministrazione non pensi a feste e festicciole"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


9 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

"In contrada San Bernardino l’asfalto rifatto a macchia di leopardo è gia rotto"

Generoso, Galante e Moretti: "L’amministrazione non pensi a feste e festicciole"

"Sono trascorsi quasi due mesi da quando, il 14 novembre, è stato rifatto il manto d'asfalto in contrada San Bernardino e l'opera si presenta così: il manto già inizia a rompersi dopo poche piogge". A diffondere le foto sono i consiglieri comunali della lista Legati per Monteodorisio, Nicola Generoso, Pierfrancesco Galante e Stefano Moretti, che parlano di "rifacimento del manto stradale a macchia di leopardo, segnaletica di pericolo che giace così", a terra, fuori dalla carreggiata.

"Non vogliamo sempre polemizzare come qualcuno soatiene", mettono le mani avanti i tre esponenti dell'opposizione. "Abbiamo atteso quasi due mesi che venisse sistemato,  ma nulla e stato fatto. Ci sono degli amministratori che percorrono questa strada quotidianamente senza notare nulla. L'amministrazione - sostengono Generoso, Galante e Moretti - è troppo impegnata a fare feste, festarelle e intrattenimenti, ma poco, se non del tutto assente, a rispondere a quelli che sono i veri fabbisogni del paese e dei cittadini".

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi