"Gattino intrappolato su un albero per scappare dai botti di Capodanno, salvato dai pompieri" - "Chi salva una vita, salva il mondo intero"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


12 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

"Gattino intrappolato su un albero per scappare dai botti di Capodanno, salvato dai pompieri"

"Chi salva una vita, salva il mondo intero"

Vasto, corso Mazzini: il gattino sull'alberoDalla giornalista Paola Cerella riceviamo e pubblichiamo un ringraziamento rivolto ai vigili del fuoco per il salvataggio di un gattino, che non riusciva a scendere da un albero su cui era salito per paura dei botti di Capodanno. 

"Mi sia consentito rivolgere un grazie sincero e profondo ai vigili del fuoco del Distaccamento di Vasto che, nella tardissima serata di ieri, sono prontamente intervenuti in corso Mazzini per salvare un gattino randagio di pochi mesi.

Il povero animale era prigioniero da due giorni sul maestoso pino nei pressi della Caserma dei carabinieri di Vasto, dove aveva trovato rifugio la sera del 31 dicembre per sfuggire ai botti di Capodanno.

Terrorizzato, il micino era riuscito a salire ad un’altezza di oltre dieci metri, ma non era poi stato capace di scendere dall’imponente albero. Solo nella tarda serata di ieri si è riusciti a capire da dove provenivano i miagolii disperati del gattino, intrappolato ad un’altezza troppo elevata per poter essere aiutato senza l’ausilio di una scala meccanica.

Interpellati, i vigili del fuoco sono prontamente intervenuti con i loro mezzi, riuscendo a far scendere il gatto dal grande pino, che era diventato la sua prigione.

Ancora una volta, ho potuto toccare con mano l’importanza del lavoro dei vigili del fuoco, che ci sono sempre e per tutti. Come recita il libro del Talmud, 'chi salva una vita, salva il mondo intero'. Anche la vita di un gattino randagio".

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi