Tradizione rinnovata: a Vasto Marina il tuffo in mare per salutare il nuovo anno - Quest’anno in 23 hanno sfidato il freddo con il bagno di Capodanno
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Eventi 01/01

Tradizione rinnovata: a Vasto Marina il tuffo in mare per salutare il nuovo anno

Quest’anno in 23 hanno sfidato il freddo con il bagno di Capodanno

In 23, questa mattina, sulla spiaggia di Vasto Marina, hanno sfidato il freddo per il tuffo in mare con cui, da 8 anni a questa parte, viene salutato l'inizio del nuovo sulla costa vastese. L'iniziativa, promossa da Rari Nantes in Gurgite Vasto con Lido Miramare, Podistica San Salvo, Podistica Vasto, Atletica Vasto e Runners Casalbordino e animata da Generoso Leonzio, nel corso degli anni raccoglie sempre più partecipanti. E anche questa mattina, oltre ai temerari che si sono tuffati in mare, c'erano i partecipanti alla camminata e alla corsa che ha proceduto il bagno, con partenza dal Lido Miramare, e tanti amici pronti a immortalare l'evento. 

Foto di gruppo, tuffo in mare e immancabile brindisi per dare il benvenuto al 2020 nel segno dell'amicizia e dello sport. E per tutti i "temerari" di Capodanno anche un diploma ricordo per ricordare la giornata. 

I partecipanti: Davide Barone, Gabriele Berchicci, Erica Boccardi, Luigi Celenza, Cristina Clissa, Giampaolo Colameo, Salvatore Cucoro, Nicola De Cinque, Antonio Del Borrello, Lucio Del Forno, Salvatore Del Vecchio, Marco Di Lello, Pierpaolo Giaccio, Orazio Iannantuoni, Generoso Leonzio, Arturo Menna, Domenico Pracilio, Giuseppe Ronzitti (detto Gogò), Silvia Scannella, Carmelo Vincenzo Schiavone, Carmine Tomeo, Emilio Tomeo, Massimo Tosi.

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi