Furti e rapine i reati più temuti dai vastesi, ma per il 61% la città è sicura - Sondaggio "Sicurezza e legaltà 2019": preoccupazione anche per minacce ed estorsioni
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 29/12/2019

Furti e rapine i reati più temuti dai vastesi, ma per il 61% la città è sicura

Sondaggio "Sicurezza e legaltà 2019": preoccupazione anche per minacce ed estorsioni

Sono furti, rapine e spaccio di droga i reati più temuti dai vastesi. Ma il 61% ritiene che Vasto sia una città sicura e un'ampia maggioranza degli intervistati ha fiducia in magistratura e forze dell'ordine.Esiste, però, il timore di infiltrazioni della criminalità organizzata e suscitano preoccupazione anche minacce ed estorsioni. 

Lo rivela il sondaggio Sicurezza e legalità 2019-La percezione della sicurezza e della legalità nella Città del Vasto, realizzato da Christian Lalla, titolare della società Spindoctoring, per il Rotary club. I dati emergono da "500 interviste somministrate alla popolazione residente nel comune di Vasto" nel periodo "marzo 2019-aprile 2019".

"Il Rotary Club Vasto - spiega il presidente, Arnaldo Tascione - da diversi anni finanzia la realizzazione di questo studio sulla percezione della sicurezza e della legalità nel territorio vastese affinché i dati emersi possano essere di aiuto alle istituzioni locali, regionali e nazionali, oltre che di stimolo alla riflessione e al dibattito su temi di grande attualità. Con spirito di servizio lavoriamo per contribuire alla crescita civile e sociale del nostro territorio mettendo a disposizione delle istituzioni, di ogni ordine e grado, dati scientifici su cui poter ragionare e costruire strategie di contrasto alla criminalita e a garanzia del principio di legalità".

Domande e risposte - 1) Secondo lei i cittadini agiscono e orientano i loro comportamenti nel rispetto della legalità e delle regole?
Sì: 49%; No: 35%; Non saprei: 16%. "Il 35% degli intervistati che ritiene il cittadino non orientato alla legalità e al rispetto delle regole giustifica così la sua convinzione: la presenza di troppi extracomunitari; la povertà diffusa; la disoccupazione giovanile.

2) Secondo leila pubblica amministrazione agisce nel rispetto della legalità e delle regole?
Sì: 34%; No: 43%; Non saprei: 23%. 

3) Secondo lei il territorio vastese è a rischio infiltrazione della malavita organizzata (mafia, camorra, 'ndrangheta, sacra corona unita)?
Sì: 46%; No: 12%, Non saprei: 42%. "Il 46% degli intervistati ritiene Vasto a rischio infiltrazione della malavita organizzata e le motivazioni sono le seguenti: la criminalità organizzata già presente; presenza di casi accertati; la vicinanza fisica e geografica a regioni ad alto tasso criminale".

4) Ha fiducia nelle forze dell'ordine? Sì: 77%; No: 23%.

5) Ha fiducia nella magistratura? Sì: 61%; No: 39%.

6) Ritiene Vasto una città sicura? Sì: 61%, No: 39%. "Vasto non è considerata sicura dal 39% degli intervistati per i troppi furti che si registrano quotidianamente nel territorio, per la presenza di extracomunitari che vengono percepiti come un pericolo ed infine per un'idea romantica di una Vasto che 'non è più come prima'".

7) Quali reati ritiene di maggior allarme sociale? (L'intervistato/a poteva esprimere al massimo tre scelte) Furto: 59,6%; spaccio: 48,6%; rapina: 45,3%; minaccia: 19,3%; estorsione: 18,3%; danneggiamento: 11%; usura: 8%; truffa: 7,6%; lesioni: 6,3%; rissa: 6%; corruzione: 3,6%; concussione: 2%; prostituzione: 1,6%.

8) Ritiene la video sorveglianza un utile strumento per aumentare la sicurezza nel comune di Vasto?
Sì: 86%; No: 3%; Non saprei: 11%. "Gli intervistati, invitati a fare proposte per aumentare la sicurezza sul territorio, suggeriscono: più forze dell'ordine; più controlli, specie nelle ore notturne; più telecamere di video sorveglianza; più lavoro e occupazione; meno extracomunitari.

9) Lei è a conoscenza che il Tribunale di Vasto rischia la chiusura definitiva a partire dal settembre 2021?
Sì: 82%; No: 18%.

10) Lei è a conoscenze che nel Tribunale di Vasto si sono celebrati importanti processi alla criminalità organizzata infiltrata nel nostro territorio?
Sì: 42%; No: 58%.

11) L'eventuale sopressione del Tribunale di Vasto renderà meno sicuro il territorio vastese?
Sì: 63%; No: 12%; Non saprei: 25%.

"Le città di Vasto e San Salvo - commenta Lalla - nonostante vicine geograficamente, si distinguono nella percezione delle sicurezza e della legalità in particolare alla domanda 3 dove San Salvo ritiene maggiore (57%) il rischio di infiltrazione della malavita organizzata rispetto a Vasto (46%). La fiducia nelle forze dell'ordine, nonostante sia equivalente nel dato globale (Vasto 77%, San Salvo 75%), rileva una mancanza di fiducia nel Corpo della polizia municipale da parte dei cittadini di San Salvo. La fiducia nella magistratura, invece, è maggiore (63%) nei cittadini di San Salvo rispetto a quelli di Vasto (58%). Infine, i cittadini di Vasto ritengono più sicura la loro città (61%) rispetto a quelli di San Salvo (52%), dove un intervistato su due ritiene la città poco o per nulla sicura.

Interessante - sottolinea Lalla - notare come i reati ritenuti di maggior allarme sociale siano gli stessi per le prime due posizioni (furto e spaccio, benché invertite), ma a San Salvo l'estorsione è al terzo posto (26), mentre a Vasto al quinto (18,3%). Quest'ultimo reato, insieme alla minaccia (San Salvo 20,5%, Vasto 19,3%), negli ultimi anni è salito dalle ultime posizioni fino a toccare il podio di quelli ritenuti più allarmanti. Se a Vasto la parola mafia non è stata pronunciata da nessun intervistato, a San Salvo il 2,5% l'ha indicata come reato di maggior allarme sociale. Infine, il reato di corruzione ottiene il 3,6% a Vasto e l'8% a San Salvo. Mentre la concussione si posiziona all'ultimo e al penultimo posto della classifica".

"Rispetto alle vicende del Tribunale sembra esserci maggiore consapevolezza tra i cittadini di Vasto (82%) rispetto a quelli di San Salvo (66%) in merito a una sua eventuale chiusura. Il 73% degli intervistati di San Salvo non è a conoscenza dei processi celebrati alla malavita organizzata nel presidio di giustizia vastese. Infine, Vasto (63%) attribuisce al Tribunale un ruolo di legalità e sicurezza maggiore rispetto a San Salvo (51%)".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi