Il presepe di Marco Prinza con i luoghi e le tradizioni di Pollutri - Da vent’anni porta avanti la sua passione con un grande presepe a casa
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


23 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Pollutri   Attualità 25/12/2019

Il presepe di Marco Prinza con i luoghi e le tradizioni di Pollutri

Da vent’anni porta avanti la sua passione con un grande presepe a casa

Quella del presepe è una tradizione che non passa mai di moda perchè sono tante le persone che, nel periodo natalizio, si dedicano con passione alla realizzazione di piccole opere d'arte per rappresentare le scene della Natività. Quest'anno siamo andati a Pollutri a casa di Marco Prinza, grande appassionato di presepi che, già dal vialetto d'ingresso della sua abitazione, accolgono gli ospiti. Da una ventina d'anni Marco realizza un grande presepe che occupa un'ampia porzione del soggiorno di casa. "Ho ereditato questa passione da mio padre e, sin da piccolo, ho iniziato a costruire il mio presepe". E così, anno dopo anno, il presepe di Marco si è arricchito di scene, ambientazioni e personaggi fino ad arrivare ad un'estensione di oltre 5 metri.

"Costruisco tutto io, utilizzando diversi materiali, e comprando solo i personaggi che, in molti casi, vengono modificati per adattarli alle scene". La particolarità del presepe costruito da Marco Prinza è la presenza di luoghi e scene che raccontano il suo paese, Pollutri. E così ci sono la chiesa parrocchiale, la Casa di San Nicola e la processione dedicata al Santo Patrono. E poi scene che raccontano situazioni legate alla sua famiglia - come la casa in costruzione o l'asilo della sua fidanzata -. E poi un passaggio sulle tradizioni, come il faro e i trabocchi e il giovane che cucina gli arrosticini abruzzesi. "È il modo per rappresentare la nascita di Gesù che viene in mezzo a noi per portarci il suo messaggio di pace". Una fusione tra la tradizione presepistica e quella popolare che, anno dopo anno, si arricchisce di nuovi elementi. "Ho un sogno - confida Marco - poter allestire un presepe fisso dentro una roulotte o un camper e poterlo portare in giro". La sua grande passione ha portato Marco ad essere uno dei promotori del presepe vivente che tornerà a Pollutri dopo dieci anni. "Ce la stiamo mettendo tutta, coinvolgendo tante persone con l'auspicio di regalare a chi verrà a visitarlo il 29 dicembre dei momenti emozionanti".

Guarda il video Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi