Taglio del nastro per la nuova Tac. Schael: "È l’inizio del potenziamento" - Verì: "Investiamo sull’ospedale di Vasto". Amato: "Molto soddisfatta"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


15 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 20/12/2019

Taglio del nastro per la nuova Tac. Schael: "È l’inizio del potenziamento"

Verì: "Investiamo sull’ospedale di Vasto". Amato: "Molto soddisfatta"

Battesimo ufficiale per la nuova Tac a 128 strati dell'ospedale San Pio da Pietrelcina di Vasto.

Stamani breve inaugurazione alla quale hanno preso parte l’assessora regionale alla Salute, Nicoletta Verì, il sindaco, Francesco Menna, l’arcivescovo Bruno Forte, la direttrice della Radiologia, Maria Amato, l’assessore regionale all’Urbanistica, Nicola Campitelli, la consigliera regionale Sabrina Bocchino e il direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Thomas Schael.

"Affidabilità, concretezza, fatti: questo avevo annunciato nel corso delle mie visite precedenti a Vasto e oggi possiamo darne una prima dimostrazione - ha sottolineato Nicoletta Verì -. E’ un risultato che ci rende orgogliosi perché abbiamo operato per il bene dei cittadini e questo è solo il raggiungimento del primo degli obiettivi che ci siamo dati".

L'intervista video all'assessora Verì e alla direttrice del reparto di radiologia del San Pio, Maria Amato:

"La Tac installata- spiega una nota dell'ufficio stampa della Asl - consentirà un significativo salto di qualità per i pazienti, grazie alle sue caratteristiche peculiari: la Revolution EVO a 128 strati, autentico must nella tecnologia diagnostica, è dotata di un sistema di acquisizione d’immagine digitale ad altissima risoluzione sia spaziale sia temporale, che consente di eseguire in modo egregio le più sfidanti applicazioni cliniche richieste a un tomografo Tac in utilizzo diagnostico e di pronto soccorso: la cardiologia e lo studio dell’ictus (stroke). Per l’ospedale di Vasto e per l’intera azienda, dunque, si tratta di un’acquisizione assai importante, in termini di qualità, tipologia e numero di esami, con ricadute positive anche sull’organizzazione del lavoro: la velocità di acquisizione delle immagini, infatti, permette di ottimizzare le risorse e rispondere a un’ampia tipologia di urgenza, oltre che ridurre i tempi di attesa. Non da trascurare, poi, la ridotta dose di radiazioni ionizzanti emesse durante l’esame, a parità di qualità dell’immagine".

L'intervista video al direttore generale della Asl, Thomas Schael:

"Mi ero preso l’impegno di portare a termine un percorso avviato anni fa - ha detto Schael - e di inaugurare la Tac entro l’anno, ho mantenuto fede alla promessa. Tutti hanno contribuito a realizzare questo risultato, e sottolineo tutti, personale di reparto e non, ed è doveroso rendere loro merito. Questo appuntamento cade in giorni in cui il richiamo alla pace è forte e vorrei che fosse estesa al tema della salute. Lo dico ai sindaci, ai rappresentanti delle istituzioni, ai professionisti, ai movimenti civici: non possiamo non avere una convergenza su priorità e obiettivi quando c’è da organizzare al meglio l’assistenza per i nostri cittadini. Ovviamente non c'è soltanto Vasto nei pensieri e nelle strategie di questa Direzione - ha aggiunto il manager - perché nei prossimi mesi il nostro lavoro sarà in gran parte concentrato su Lanciano".

"E’ lo studio dei distretti vascolari nobili - spiega la nota della Asl - il pezzo forte della nuova Tac, che sul cuore, per esempio, permette di esplorare con precisione le coronarie e la cavità cardiaca grazie alla capacità di acquisire molto rapidamente sezioni anatomiche ultrasottili e di ricostruirle nel dettaglio, per arrivare a diagnosi accurate ed evidenziare i pazienti da sottoporre ad angioplastica o bypass aorto coronarico. Ma non si limita al distretto cardiaco l’utilizzo del Sistema Revolution EVO, che viene impiegato anche in ambito neurologico e di Pronto soccorso ed è particolarmente indicato per lo studio dell’ictus, ematomi e aneurismi cerebrali in maniera precisa. Per quanto riguarda le applicazioni di routine, la tecnologia si caratterizza per la velocità di acquisizione delle immagini, che la rende rapidissima su tutti i distretti corporei, dal vascolare periferico alle pelvi, dal torace all’addome, minimizzando lo stress per il paziente e riducendo al minimo i tempi di apnea per i pazienti anziani o non collaboranti o traumatizzati".

Guarda il video Guarda le foto

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti


Video - Inaugurata la nuova Tac a 128 strati, Schael: "È l'inizio del potenziamento"

Intervista di Michele D'Annunzio - Riprese e montaggio di Nicola Cinquina

Video - Verì: "Puntiamo sull'ospedale di Vasto". Amato: "Radiologia torna credibile"

Intervista di Michele D'Annunzio - Riprese e montaggio di Nicola Cinquina



 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi