Forte: "Sulla sanità il centrodestra fa finta di avere la coscienza pulita" - La polemica
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 08/12/2019

Forte: "Sulla sanità il centrodestra fa finta di avere la coscienza pulita"

La polemica

Giuseppe ForteSui problemi dell'ospedale di Vasto, il centrodestra vuole prendersi meriti che non ha e i suoi rappresentanti regionali disertano il Consiglio comunale in cui si discute della sanità del Vastese. 

Lo afferma il vice sindaco, Giuseppe Forte, in un'articolata nota inviata agli organi d'informazione: "I problemi che affliggono l'ospedale San Pio di Vasto sono oggetto di discussione ormai da diversi decenni. L'argomento, di tanto in tanto, riemerge con vigore, ma subito dopo torna tutto come prima. Di chi è la colpa?

Di tutti, soprattutto di coloro i quali hanno avuto ruoli di grande responsabilità negli organismi regionali che sono quelli che, in definitiva, gestiscono un comparto così delicato come la sanità che, è bene ricordarlo, assorbe l'80% del bilancio regionale. Ne volete la prova concreta? Ve la fornisco immediatamente. 

Era il 26 gennaio dell'anno 2002 (sì, quasi 18 anni orsono) e nell'Auditorium dell'Agenzia per la promozione culturale di Vasto si teneva un convegno sul tema: 'Il nuovo ospedale di Vasto: come, dove, quando, perché'. Al convegno prendevano parte, come si può ben leggere dal manifesto affisso in quei giorni sui muri della città, le seguenti autorità: Giuseppe Tagliente, presidente del Consiglio regionale; Antonio Falconio, ex presidente della Giunta regionale; Filippo Pietrocola, sindaco di Vasto; Arturo Stuard, assessore regionale alla Sanità; Massimo Desiati, assessore regionale a Turismo, Urbanistica, Ambiente; Eugenio Spadano, consigliere regionale; Luciano Lapenna, consigliere regionale; Antonio Prospero, consigliere regionale; Elio Tilli, direttore generale Ausl Lanciano-Vasto. Moderava il dibattito chi scrive questa note. Mi chiedo e vi chiedo: cosa è cambiato rispetto a quel gennaio di 18 anni or sono? 

A quell'epoca il centrodestra 'dominava' la Regione Abruzzo. Vasto ed il territorio erano abbondantemente rappresentati all'interno dell'esecutivo e del Consiglio regionale. Lo stesso direttore generale dell'allora Ausl era un vastese. Cosa ottenne l'ospedale di Vasto da quegli amministratori? Nulla.

Oggi, però, a ruoli invertiti, tentano di scaricare le colpe sulla precedente Giunta D'Alfonso, che ha avuto il compito di ripianare un bilancio disastroso lasciato in eredità dalla Giunta Chiodi. 

Quegli stessi amministratori della Regione Abruzzo - che nel corso della loro presenza in posti di così grande responsabilità nulla hanno prodotto per questo territorio - non hanno lesinato di mandare in giro carri funebri e di lanciare accuse pesantissime nei confronti di Paolucci & C. facendo finta di avere la coscienza pulita sul disastro della sanità nel nostro territorio. 

Ricordo ancora il giorno in cui l'allora direttore generale Francesco Zavattaro, alla presenza dei big del centrodestra regionale, annunciava all'interno della palazzina uffici del San Pio l'avvio dei lavori per la realizzazione della sala di emodinamica. All'indomani tutto si ferò per il mancato coinvolgimento di un esponente locale del centrodestra che fece sentire la sua voce. 

Oggi i loro seguaci (che fino a qualche tempo fa prendevano le distanze da chi tanto potere ha gestito e tanto ancora intenderebbe gestire in futuro) ed in alcuni casi i i loro figli assumono atteggiamenti ondivaghi ed ambigui arrivando a resuscitare anche un esponente del centrosinistra nei confronti del quale hanno sputato veleno per ben 13 anni. Vogliono prendersi meriti che non hanno e vogliono assurgere al ruolo di protagonisti in un momento davvero molto delicato. Il tutto con la complicità di chi tanto ha avuto dal centrosinistra e che bene avrebbe fatto a tenersi fuori da certe dispute. 

L'assessore regionale alla Sanità, Nicoletta Verì, come pure il direttore generale Schael, hanno disertato i lavori del Consiglio comunale di Vasto. Loro non hanno tempo da perdere. I loro predecessori hanno sempre onorato l'assise civica vastese della loro presenza. 

I consiglieri regionali della Lega, Sabrina Bocchino e Manuele Marcovecchio, hanno fatto finta di non essere a conoscenza del problema preferendo tirarsi fuori. Un'assenza pesante e molto significativa. 

Ora si tenta di scaricare le responsabilità sul sindaco di Vasto, Francesco Menna, reo di aver ripercorso, in Consiglio comunale, passaggi molto importanti degli ultimi anni della gestione della sanità nel nostro territorio. 

Se davvero vogliono dare un segnale oggi, come nel 2002, hanno la possibilità di farlo avvalendosi anche della complicità del capo della segreteria del presidente Marsilio: Etel Sigismondi. In caso contrario saranno solo chiacchiere e polemiche che non risolvono i problemi della nostra sanità".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Chiudi
Chiudi