"All’ospedale di Vasto non si possono più applicare i pacemaker. Basta coi viaggi della speranza" - Il sindaco Menna: "ll San Pio è scomparso dalla programmazione sanitaria"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 07/12/2019

"All’ospedale di Vasto non si possono più applicare i pacemaker. Basta coi viaggi della speranza"

Il sindaco Menna: "ll San Pio è scomparso dalla programmazione sanitaria"

Francesco Menna"Il nuovo ospedale di Vasto è scomparso dalla nuova programmazione sanitaria. Il nosocomio non metterà più i pacemaker per il cuore e forse dovrà venire un medico da Chieti tre volte al mese. In alternativa, il povero cittadino dovrà fare viaggi della speranza verso Lanciano, Chieti o Pescara". 

A lanciare l'allarme è il sindaco di Vasto, Francesco Menna. "Non mi meravigliano - polemizza - i no definitivi all'emodinamica, all'angiografo e le annunciate assenze in Consiglio comunale" dell'assessora regionale alla Sanità, Nicoletta Verì, e del direttore generale della Asl, Thomas Schael. "La vedo dura per la nostra città", dichiara il primo cittadino in una nota. "I primi atti della regione Abruzzo a guida centrodestra si sono concentrati sull'aumento degli stipendi di 4500 euro in più al mese per i rimborsi e l'aumento degli stipendi dei direttori generali delle Asl fino a 140mila euro; nulla per i Comuni che, spesso, non riescono a garantire sussidi per i poveri". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Chiudi
Chiudi