Via Verde, il termine dei lavori prorogato al 31 luglio 2020 - Vie d’uscita/3 - La pista ciclopedonale attesa da 15 anni
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Ambiente 29/11/2019

Via Verde, il termine dei lavori prorogato al 31 luglio 2020

Vie d’uscita/3 - La pista ciclopedonale attesa da 15 anni

Vasto Marina, ex stazione ferroviaria: il taglio del nastro per l'apertura del cantiere della Via VerdeL'intenzione di finire prima dell'estate resterà un'illusione anche il prossimo anno, il terzo dall'inizio dei lavori. La Regione ha prorogato al 31 luglio 2020 il termine di ultimazione della Via Verde della Costa dei Trabocchi. Certo, c'è la seconda frana da risanare: dopo lo smottamento di Lago Dragoni a Torino di Sangro, poche settimane fa è crollato un pezzo di lungomare a Casalbordino, proprio dove dovrà passare la pista ciclopedonale che costeggerà tutto il litorale della provincia di Chieti.

"Anche se sembra che ci siamo fermati, non è così", precisa Vincenzo Sputore, consigliere provinciale delegato alla Via Verde della Costa dei Trabocchi. "Non sono visibili dall'esterno, ma sono in corso gli interventi necessari a illuminare e mettere in sicurezza le gallerie, presupposto fondamentale per dare continuità alla pista ciclopedonale".

Intanto, dopo l'ultimo inquietante episodio, l'aggressione e rapina ai danni di un ventiquattrenne davanti alla ex stazione ferroviaria di piazza Fiume (non è l'unico reato consumato da un anno a questa parte nell'area dell'antico scalo ottocentesco abbandonato), si fa sempre più impellente la necessità di decidere il destino dello stabile dismesso. Lanciando una provocazione, nelle scorse settimane il sindaco di Vasto, Francesco Menna, ne ha chiesto la demolizione, nel caso in cui la Provincia non trovi una destinazione. E fondi per bonificarla e rimetterla a nuovo. Le intenzioni erano tante: sede del Parco della Costa Teatina (anche questo atteso da 15 anni ma, a differenza della ciclovia, non ne parla più nessuno, neanche gli ambientalisti), museo, oppure Comando della polizia locale. Nel frattempo, a 31 anni da quando fu sostituita dalla stazione Vasto-San Salvo, la vecchia stazione cade a pezzi. Eppure, è un pezzetto di storia della mobilità ferroviaria sulla dorsale adriatica. Attorno alla stazioncina di piazza Fiume si sviluppò il centro abitato di Vasto Marina e, difficile da credersi oggi, la prima zona industriale della città [VIDEO]. Eppure, quel frammento di storia, che racconta attese, saluti, partenze, arrivi e ritorni, sembra non interessare quasi a nessuno.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi