Tartaruga morta con plastica in bocca, il ministro Costa: "Ogni nostra azione ha conseguenze" - Il caso è arrivato anche al ministero
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Ambiente 28/11/2019

Tartaruga morta con plastica in bocca, il ministro Costa: "Ogni nostra azione ha conseguenze"

Il caso è arrivato anche al ministero

Il caso della tartaruga trovata morta con della plastica in bocca sulla spiaggia di Vasto Marina [LEGGI] è arrivato fino al ministero dell'Ambiente.

Il ministro Sergio Costa oggi dal proprio profilo Facebook, appellandosi al buonsenso, ha così commentato la vicenda raccontata da zonalocale.it qualche giorno fa: "È stata trovata morta, già in stato di decomposizione, l'ennesima tartaruga caretta-caretta a Vasto, nelle spiagge abruzzesi. Il suo corpo era pieno di plastica: pezzi di buste della spesa, pezzi di cannucce e altre micro e macro plastiche. Questa tartaruga è tra le più comuni del Mediterraneo eppure la sua specie è in pericolo. Continuo ad invitare tutti ad usare la plastica usa e getta quando è veramente necessario e comunque di smaltirla correttamente. Lasciare la lattina, al fianco del lettino con la cannuccia dentro, provoca questo. Ogni nostra azione ha delle conseguenze. Io ci sto attento, sempre. Fatelo tutti. Grazie".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi