"Sciopero della fame e della sete fino a quando mio figlio non avrà le cure" - Marie Hélène Benedetti ricomincia la protesta
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 27/11/2019

"Sciopero della fame e della sete fino a quando mio figlio non avrà le cure"

Marie Hélène Benedetti ricomincia la protesta

Marie Hélène col figlio ThomasMarie Hélène Benedetti farà lo "sciopero della dame e della sete". La nuova protesta della mamma del piccolo Thomas, affetto da autismo, inisierà lunedì prossimo. 

La donna lo annuncia sul suo profilo Facebook: "Sono di nuovo qui a chiedere aiuto all'opinione pubblica, perché io ho solo voi. Vi chiedono di non lasciarmi sola".

"Lunedì 2 dicembre, alle 10, a Pescara, davanti alla sede della Regione Abruzzo, inizierà il mio sit-in con annessi sciopero della fame e della ste ad oltranza fino a quando non riceverò tra le mie mani la presa in carica della Asl per le cure di mio figlio dopo la sentenza del Tribunale, dove abbiamo vinto il 9 settembre una causa contro la Asl e, ad oggi, siamo a fine novembre, la Asl non ha ottemperato alle richieste del giudice. La Asl ci ha mandato in carico a una struttura che non rispecchia assolutamente il tipo di intervento per mio figlio".

Parla dell'incontro con l'assessora regionale alla Sanità, Nicoletta Verì: "Quando ho spiegato alla dottoressa Nicoletta Verì, lei ha riconosciuto le mie motivazioni, il perché io non volessi portare mio figlio in questa struttura"

L'appello: "Chiudo chiedendo alle persone di buon animo di non abbandonarmi, di starmi vicino". "Per me sarà un sit-in ad oltranza. Io resterò lì sotto fino a quando non avrò fra le mani la presa in carico per il mio bambino". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Chiudi
Chiudi