No al femminicidio e alle violenza sulle donne: in Tribunale il convegno con prefetto e questore - L’iniziativa delle associazioni "Il Cammino" e "Emily Abruzzo"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 22/11/2019

No al femminicidio e alle violenza sulle donne: in Tribunale il convegno con prefetto e questore

L’iniziativa delle associazioni "Il Cammino" e "Emily Abruzzo"

In occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, l’Associazione  Cammino Sede di Vasto​ e l’Associazione EmilyAbruzzo, da anni impegnate sul territorio  hanno organizzato, all’interno di un più ampio percorso denominato​ “Il Sentiero dell’Amore”, una serie di eventi .

Stamani si è tenuto “Se fa male non è Amore” presso il Polo liceale Pantini-Pudente di Vasto , vedrà la partecipazione di Assunta Bianco, sorella di una vittima di femminicidio. Nel pomeriggio il convegno presso il Tribunale di Vasto sul tema: "Il Codice Rosso - Luci ed ombre del DDL 1200/2019”, una legge che ha offerto una corsia preferenziale alle querele delle vittime di violenza con la presenza del prefetto, dottor Barbato, e del questore, dottor Borzacchiello.

Il 25 novembre ci sarà un incontro "Un giorno a Rebibbia" con  gli alunni del Palizzi , del Liceo Scientifico  Mattioli e dell'IIS Mattei di Vasto   presso l’Istituto Tecnico F. Palizzi di Vasto e alle ore 17.00 presso il comune di Cupello che vedrà  la partecipazione di  don Mauro Leonardi,prete volontario ex art. 17 presso il penitenziario di Rebibbia e del Maggiore Consales della Compagnia carabinieri di Vasto.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Chiudi
Chiudi