Crisi Cerella, Marcovecchio: "Tagli all’occupazione non ci sono stati e non ce ne devono essere" - Presidente della Commissione Trasporti della Regione: "Avviare percorso condiviso"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 17/11/2019

Crisi Cerella, Marcovecchio: "Tagli all’occupazione non ci sono stati e non ce ne devono essere"

Presidente della Commissione Trasporti della Regione: "Avviare percorso condiviso"

Manuele Marcovecchio (Lega)"Una cosa deve essere certa: i livelli occupazionali non devono essere toccati. Tagli non ce ne sono stati e non devono esserci". Lo ha detto il presidente della Commissione Trasporti del Consiglio regionale, Manuele Marcovecchio, riguardo alla crisi finanziaria di Autoservizi Cerella srl, la storica compagnia di trasporti controllata dalla Regione Abruzzo, che ne detiene la maggioranza delle quote attraverso la Tua spa, società unica di trasporti regionali.

"Non possiamo pensare - ha precisato Marcovecchio - che si faccia una delibera regionale per ripianare quello che c'è da ripianare. Non è più così. La Cerella ha una sua personalità giuridica. E, se c'è qualcosa su cui la Corte dei Conti va a impallinare le amministrazioni, sono le transazioni. Verosimilmente, viste le sentenze, i crediti vantati dalla Cerella non sono esigibili. Cerchiamo di far sopravvivere la società con soluzioni tecnico giuridiche che consentano di prendere tempo. Certo, bisogna pensare al dopo aver scollinato questa frase critica. Poi va trovata una soluzione per le maestranze. Sono fiducioso, si può avviare un percorso con Tua e Regione". 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi