Bellezze d’Abruzzo, a Los Angeles il video della Film Commission. Menna: "Vasto dimenticata" - Il sindaco: "Nel filmato sembra che la regione finisca a Roccascalegna"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 15/11/2019

Bellezze d’Abruzzo, a Los Angeles il video della Film Commission. Menna: "Vasto dimenticata"

Il sindaco: "Nel filmato sembra che la regione finisca a Roccascalegna"

Nella patria del cinema il filmato con le bellezze dell'Abruzzo, che vuole diventare teatro naturale di film e fiction. Un condensato di luoghi meravigliosi e riprese suggestive, ma scoppia la polemica: non cè neanche un'immagine di Vasto e della sua riviera.

"Il video proiettato durante il Film Market di Los Angeles per far conoscere l'Abruzzo, il suo territorio, le sue eccellenze", ha scritto l'assessore regionale al Turismo, Mauro Febbo, sul suo profilo Facebook, dove ha pubblicato il videoclip che, da martedì alle prime ore di stamani, ha già totalizzato circa 100mila visualizzazioni. 

"Sembra che l'Abruzzo finisca a Roccascalegna. Tutto ciò che c'è a sud è come se non esistesse", protesta il sindaco di Vasto, Francesco Menna, secondo cui "è una bella iniziativa della Regione ma, come sempre, Vasto, il Vastese e la Riserva di Punta Aderci vengono dimenticate. Questi politicanti - attacca il primo cittadino - vengono qui a chiedere i voti, ma poi non pensano a inserire nel documentario Vasto con le sue bellezze e Punta Aderci, una delle riserve più importanti non solo d'Italia, ma anche d'Europa. Spero ci ripensino e tengano nella giusta considerazione la nostra città e il nostro territorio". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi