"Lo spazio dei bus non si può restringere: servono almeno 8 metri per manovre sicure" - Replica del Comune: "Contattata la società, ma non per sorvolare sulle infrazioni"
Abruzzo Smart Academy - ITS Agroalimentare Teramo CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 15/11/2019

"Lo spazio dei bus non si può restringere: servono almeno 8 metri per manovre sicure"

Replica del Comune: "Contattata la società, ma non per sorvolare sulle infrazioni"

Vasto: il parcheggio della stazione Porto di Vasto è troppo piccolo per accogliere un numero crescente di utentiL'amministrazione comunale di Vasto non ha affermato di voler chiedere alla società che gestisce il trasporto pubblico di "chiudere un occhio" in merito alle infrazioni stradali commesse da chi parcheggia sullo spazio destinato alla sosta dei bus davanti alla stazione Porto di Vasto. 

Lo precisa lo staff del sindaco, Francesco Menna, in merito a quanto affermato da un utente dello scalo ferroviario, Michael Leone, dopo essere stato multato [LEGGI].

Inoltre, in merito alla richiesta di recuperare lo spazio del parcheggio bus, l'amministrazione ha chiarito che "il Comune può inoltrare la richiesta alla società che gestisce i trasporti, ma per i parcheggi non può intervenire" e che "l'assessora ai Trasporti, Paola Cianci, ha contattato la Sat, società che gestisce i trasporti pubblici urbani, da cui ha ricevuto risposta negativa: non è possibile restringere lo spazio della fermata bus, perché, al fine di consentire che le manovre dei mezzi pubblici avvengano in sicurezza, serve uno spazio di almeno 8 metri".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi