Ricatti sessuali ai danni di due minorenni: per 6 imputati due anni e mezzo di "messa alla prova" - Scagionato il sansalvese
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 13/11/2019

Ricatti sessuali ai danni di due minorenni: per 6 imputati due anni e mezzo di "messa alla prova"

Scagionato il sansalvese

La conferenza stampa dei carabinieri del giugno 2018Il giudice del tribunale dei minori dell'Aquila ha concesso due anni e mezzo di messa alla prova a 6 giovani coinvolti nei casi di stupro di gruppo e ricatti hard scoperti dai carabinieri di Vasto dopo la denuncia di una delle vittime, anch'essa minorenne. I filoni dell'indagine sono due e le indagini coinvolsero complessivamente 8 ragazzi.

La vicenda – fatti accaduti a Vasto – fu portata alla luce nella primavera 2018, come detto, dai carabinieri coordinati dal maggiore Amedeo Consales [LEGGI]. Secondo quanto ricostruito dai militari, due ragazzine erano costrette a subire rapporti sessuali per evitare che filmati e foto degli stessi venissero diffusi dai propri aguzzini. Il tutto si protrasse per due anni.

Uno dei minori all'epoca dei fatti era il fidanzato di una delle due vittime ed era accusato di organizzare gli incontri. Per lui (assistito dall'avvocato Antonello Cerella) e altri cinque minori (rappresentati dagli avvocati Gianni Menna, Roberto Cinquina, Roberto Cordisco, Nicola Artese e Sabatino Besca) la giudice Cristina Tettamanti ha concesso due anni e mezzo di messa alla prova: potranno continuare a studiare o lavorare e per due anni e mezzo dovranno prestare servizio in enti e associazioni riconosciuti e indicati dalla magistratura.

Un altro giovane indagato di Paglieta non ha chiesto la messa alla prova e sarà giudicato in tribunale. Assistito dal legale Massimo Biscardi, vuole dimostrare di essere estraneo alla vicenda. Scagionato, infine, il minorenne di San Salvo (a rappresentarlo era l'avvocato Vincenzo Chielli).

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi