"Sospendere i pedaggi sull’A14", il Ministero ci pensa - Castaldi: "Il Governo ha chiesto programma dei lavori puntuale"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Roma   Attualità 13/11/2019

"Sospendere i pedaggi sull’A14", il Ministero ci pensa

Castaldi: "Il Governo ha chiesto programma dei lavori puntuale"

L'ingorgo del ponte del Primo novembreUn programma di lavori di riqualificazione e sostituzione delle barriere sequestrate e valutazione della sospensione dei pedaggi sull'A14. Ad annunciarli è il sottosegretario di Stato per i Rapporti con il Parlamento, Gianluca Castaldi.

"Sulle barriere dell'A14, comprese fra Pescara e Porto Sant'Elpidio – dice il senatore vastese – le priorità sono garantire la sicurezza e ridurre al minimo i disagi. Come promesso ai tanti cittadini che mi hanno sottoposto questa problematica, il governo ha ascoltato le giuste proteste e il livello di attenzione è massimo. Dietro richiesta del ministero delle Infrastrutture, Autostrade per l'Italia avrà il compito di riqualificare e sostituire le barriere, con un programma dalle scadenze chiare. I lavori dovranno essere compatibili con la fruibilità della strada, senza creare eccessivi rallentamenti. In particolar modo, il governo ha sollecitato Autostrade a informare correttamente e costantemente gli automobilisti sullo stato dei lavori e del tratto autostradale. È al vaglio degli uffici del ministero competente anche la possibilità di sospendere i pedaggi sull'A14".

Il sequestro delle barriere ha portato alla riduzione delle carreggiate percorribili sui viadotti causando notevoli rallentamenti e ingorghi che fanno lievitare i tempi di percorrenza [LEGGI].

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi