"Sospendere i pedaggi sull’A14", il Ministero ci pensa - Castaldi: "Il Governo ha chiesto programma dei lavori puntuale"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Roma   Attualità 13/11/2019

"Sospendere i pedaggi sull’A14", il Ministero ci pensa

Castaldi: "Il Governo ha chiesto programma dei lavori puntuale"

L'ingorgo del ponte del Primo novembreUn programma di lavori di riqualificazione e sostituzione delle barriere sequestrate e valutazione della sospensione dei pedaggi sull'A14. Ad annunciarli è il sottosegretario di Stato per i Rapporti con il Parlamento, Gianluca Castaldi.

"Sulle barriere dell'A14, comprese fra Pescara e Porto Sant'Elpidio – dice il senatore vastese – le priorità sono garantire la sicurezza e ridurre al minimo i disagi. Come promesso ai tanti cittadini che mi hanno sottoposto questa problematica, il governo ha ascoltato le giuste proteste e il livello di attenzione è massimo. Dietro richiesta del ministero delle Infrastrutture, Autostrade per l'Italia avrà il compito di riqualificare e sostituire le barriere, con un programma dalle scadenze chiare. I lavori dovranno essere compatibili con la fruibilità della strada, senza creare eccessivi rallentamenti. In particolar modo, il governo ha sollecitato Autostrade a informare correttamente e costantemente gli automobilisti sullo stato dei lavori e del tratto autostradale. È al vaglio degli uffici del ministero competente anche la possibilità di sospendere i pedaggi sull'A14".

Il sequestro delle barriere ha portato alla riduzione delle carreggiate percorribili sui viadotti causando notevoli rallentamenti e ingorghi che fanno lievitare i tempi di percorrenza [LEGGI].

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi