Passaggio in Regione per la Pilkington, "Mettere in campo tutte le azioni per evitare licenziamenti" - Il punto della situazione
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

San Salvo   Attualità 12/11/2019

Passaggio in Regione per la Pilkington, "Mettere in campo tutte le azioni per evitare licenziamenti"

Il punto della situazione

Ranieri, Schioppa, Di Cola e ZerraFino alla scadenza dell'anno di cassa integrazione non deve essere licenziato nessuno. È questa la posizione sostenuta dai sindacati durante l'incontro all'assessorato delle Attività produttive della Regione Abruzzo tenutosi ieri sulla situazione della PilkingtonIl tavolo era stato fissato per fare il punto dopo la trasferta romana al ministero del Lavoro conclusasi positivamente con l'accordo sulla proroga dell'ammortizzatore sociale.

Il nodo ora resta quello dei 55 esuberi per i quali il management ha evidenziato che difficilmente riuscirà a salvarli. In virtù dell'accordo ministeriale, quindi i sindacati chiedono di usare la nuova copertura per non licenziare nessuno. "L'azienda – dicono Emilio Di Cola (Cgil), Franco Zerra (Cisl), Arnaldo Schioppa (Uil) e Domenico Ranieri (Cobas) – ha ribadito che gli esuberi sono strutturali, per questo noi abbiamo chiesto l'applicazione di tutte le misure possibili per evitare i licenziamenti che colpirebbero i lavoratori con meno anzianità. Oltre alla cassa integrazione, chiediamo che venga sondata la possibilità di portare a San Salvo alcune lavorazioni come fatto con il wiring dalla Polonia".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi