Strade, Pupillo e Marsilio sulla fondovalle Treste per consegnare i lavori attesi da decenni - Gli interventi finanziati dal masterplan
 
Lentella   Attualità 06/11

Strade, Pupillo e Marsilio sulla fondovalle Treste per consegnare i lavori attesi da decenni

Gli interventi finanziati dal masterplan

Lentella, un tratto della Sp 187Dopo le aggiudicazioni degli interventi per i vari lotti, si consegnano i lavori finanziati del masterplan per il Vastese e, per l'occasione, Regione, Provincia e Comuni appaltanti festeggiano sulle strade che saranno riasfaltate. 

Venerdi 8 novembre (ore 11), all’incrocio tra la fondovalle Treste e la Sp 187 (località "Ponte Treste"), il presidente della Provincia Mario Pupillo, il governatore regionale Marco Marsilio e i sindaci di Lentella e Schiavi d’Abruzzo (Carlo Moro e Luciano Piluso) terranno una conferenza stampa "per l’avvio dei lavori di manutenzione straordinaria della rete viaria provinciale, precisamente dei Lotti 5 e 6 finanziati con il Masterplan per l’annualità 2019".

Quella della consegna dei lavori si può considerare una delle ultime tappe di una vicenda iniziata a fine novembre 2015, quando un'ondata di maltempo portò al collasso della rete viaria con il crollo di parte della Statale "Trignina" e di due tratti della fondovalle "Treste". Qualche giorno dopo, i sindaci del territorio occuparono la Statale 16 per protestare contro l'assenza di fondi per le martoriate provinciali del Vastese e l'allora presidente regionale Luciano D'Alfonso promise 10 milioni di euro solo per la zona. Complessivamente dal masterplan (provvedimento della giunta D'Alfonso) ne sono arrivati 13: 4,5 milioni per l'Alto Vastese (Distretto 6, appaltati dal Comune di Schiavi d'Abruzzo, leggi la ripartizione), 4,5 milioni per Medio e Basso Vastese (Distretto 5, appaltati dal Comune di Lentella, leggi la ripartizione) e 4 milioni per la sola fondovalle Treste (appaltati sempre dal Comune di Lentella).
Tuttavia, l'iter burocratico (gli interventi erano stati annunciati nell'ottobre 2017) è stato caratterizzato da intoppi e tensioni legati risoltisi solo dopo vari mesi.

Dopo la conferenza stampa, quindi, non resta che iniziare i lavori attesi da decenni: questi riguarderanno solo nuovi asfalti (non la sistemazione di frane, per intenderci) e saranno completati presumibilmente nella primavera 2020.

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi