Lotta all’evasione della tassa di soggiorno, Menna: "Ho presentato denuncia alla finanza" - Nell’estate 2019 nelle casse comunali 318mila euro dalle presenze turistiche
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 06/11/2019

Lotta all’evasione della tassa di soggiorno, Menna: "Ho presentato denuncia alla finanza"

Nell’estate 2019 nelle casse comunali 318mila euro dalle presenze turistiche

Da sinistra, Francesco Menna, Giuseppe Forte e Carlo Della Penna nella conferenza stampa in cui Menna ha parlato della tassa di soggiornoUna denuncia alla guardia di finanza per evasione dell'imposta di soggiorno. L'ha presentata il sindaco di Vasto, Francesco Menna. 

È lui stesso ad annunciare l'azione legale. Lo fa nella conferenza stampa di presentazione della stagione 2019-2020 concertistica e di prosa del Teatro Rossetti. 

"Nell'organizzazione degli eventi, sia culturali che di intrattenimento - sottolinea il primo cittadino - il Comune va avanti con risorse proprie. Non ci aiuta nessuno, né la Regione, né lo Stato". La tassa di soggiorno dell'estate 2019 "ammonta - comunica l'assessore al Turismo, Carlo Della Penna - a 318mila 381 euro, ma la cifra non è ancora definitiva" perché è in corso il recupero delle somme evase "a seguito - conferma Menna - di una mia denuncia presentata alla guardia di finanza e alla polizia locale. L'imposta di soggiorno ci consente di coprire oltre il 50% delle spese del cartellone turistico e culturale". Poi sottolinea: "Stanno aprendo nel centro storico nuovi bed & breakfast, segno che di un un turismo che c'è. Torno a lanciare l'idea dell'albergo diffuso, che consentirebbe di ovviare al problema dell'assenza di hotel nella città antica".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Chiudi
Chiudi