Il Parco Falcone e Borsellino è sporco, la pulizia è fai da te: i rami li raccoglie una residente - Patrizia De Rosa: "Il Comune mandi un camion almeno a ritirare la sporcizia"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


12 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 05/11/2019

Il Parco Falcone e Borsellino è sporco, la pulizia è fai da te: i rami li raccoglie una residente

Patrizia De Rosa: "Il Comune mandi un camion almeno a ritirare la sporcizia"

Vasto, villa comunale Falcone e Borsellino: Patrizia De Rosa rimuove i rami caduti dalle palmeIl parco pubblico è sporco? Ci pensano i cittadini. Pulizia fai da te nella villa comunale Falcone e Borsellino, nel quartiere San Paolo a Vasto.  

A rimboccarsi le maniche oggi è Patrizia De Rosa, una residente che più volte in passato ha protestato per la sporcizia nell'area verde del rione che, con circa 13mila residenti, è il più popoloso della città.

"Stamattina - racconta - ho trovato tutto sporco, come sempre. E anche peggio: oltre ai rami delle palme caduti che invadevano il vialetto, anche quelli degli ulivi. Nei giorni scorsi, il Comune ha emanato il bando per la raccolta delle olive dalle piante comunali ma, evidentemente, nessuno in municipio ha pensato di imporre anche un obbligo di pulizia successiva alla raccolta. Allora, visto che qui siamo abbandonati a noi stessi, mi sono messa io a pulire. Ho contattato gli assessori Paola Cianci e Gabriele Barisano. Non me ne vado da qui, se non mandano un camion a ritirare tutta la sporcizia che ho raccolto".

 

 

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi