Grandinata, "No" al riconoscimento di 12 milioni di euro di danni. Menna attacca la Regione - "Dimenticati i cittadini"
 
Vasto   Politica 02/11

Grandinata, "No" al riconoscimento di 12 milioni di euro di danni. Menna attacca la Regione

"Dimenticati i cittadini"

I danni della grandinata Il sindaco di Vasto, Francesco Menna esprime grande disappunto per il mancato riconoscimento dello stato di calamità per la provincia di Chieti dopo la grandinata del 10 luglio 2019.

"I danni causati dalle palle di ghiaccio, grosse come arance, ammontano solo per il Comune di Vasto a 12.144.201,00 – si legge in una nota del Comune – Questa è la cifra raccolta, in alcune settimane dal Comune, attraverso la denuncia per la stima dei danni subiti presentata da cittadini e vacanzieri. A nulla è servita anche la richiesta dal sindaco Francesco Menna al Presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio per chiedere il riconoscimento dei danni".

Il primo cittadino di Vasto con una lettera indirizzata a Marsilio e a tutta la giunta regionale ha chiesto di rivalutare i criteri per il risarcimento. Il solo Comune di Vasto ha registrato oltre seimila denunce, per danni a terreni e mezzi agricoli, immobili e automezzi, regolarmente inviate alla Regione Abruzzo, ma questi numeri non sono stati sufficienti per ottenere lo stato di emergenza e quindi niente indennizzi.

"Come ente – ha spiegato Menna – abbiamo provveduto a segnalare alla Regione i danni subiti, ma la risposta è stata negativa. In Abruzzo la Regione guidata dalla giunta del cambiamento fa presto ad aumentare i compensi dei manager Asl e a ripristinare i rimborsi spese per le trasferte istituzionali di presidente e assessori, rimborsi aboliti nel 2015 dall’ex governatore Luciano D’Alfonso, dimenticando invece i cittadini pesantemente danneggiati da una grandinata". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi