Lanciò una bottiglietta d’acqua in campo durante Vastese-Chieti, Daspo per un 42enne - Il provvedimento della Questura di Chieti
 
Vasto   Cronaca 29/10

Lanciò una bottiglietta d’acqua in campo durante Vastese-Chieti, Daspo per un 42enne

Il provvedimento della Questura di Chieti

Fabio CapaldoDaspo di due anni per un 42enne che ha lanciato in campo una bottiglietta d'acqua sul campo dello stadio Aragona durante il derby Vastese-Chieti.

A comunicare il provvedimento della Questura di Chieti è il dirigente del Commissariato di Vasto, Fabio Capaldo: "Lo scorso 1 settembre 2019, presso lo stadio Aragona di Vasto, si è disputato l’incontro di calcio tra le squadre Vastese Calcio 1902 - Chieti, valevole per il Campionato Nazionale di serie D, girone F.
Nel corso dell’incontro di calcio, durante un’azione di gioco, a ridosso del settore riservato ai tifosi locali, denominato Curva D’Avalos, veniva lanciata una bottiglietta piena d’acqua che raggiungeva il campo da gioco, finendo vicinissima alla postazione del portiere.
Da un attento esame delle immagini estrapolate dal circuito di videosorveglianza da parte di personale della Polizia Scientifica del Commissariato di P.S. di Vasto - spiega il vice questore Capaldo - veniva riconosciuto l’autore del gesto, identificato per T.O.L., di anni 42, persona nota alle forze dell’ordine.
Considerata la gravità del gesto e la necessità di ripristinare e tutelare l’ordine e la sicurezza pubblica, su richiesta del Commissariato di P.S. di Vasto, il signor Questore della Provincia di Chieti, Dr. Borzacchiello, ha disposto, nei confronti del predetto, il divieto di accesso per due anni in tutti i luoghi in cui si svolgeranno manifestazioni sportive, sia professionistiche che dilettantistiche, comprese le sedute di allenamento, i tornei e trofei nazionali, nonché quelle della Nazionale Italiana di calcio e di tutte le partite di Basket con relative sedute di allenamento.
Il provvedimento comprende altresì il divieto di transitare nelle vicinanze dello stadio nell’arco di tempo compreso tra tre ore prima dell’inizio dell’incontro calcistico e tre ore dopo il termine e nelle aree di sosta, di transito o del trasporto di coloro che partecipano o assistono alle medesime manifestazioni sportive.
Il D.A.S.P.O. è stato emesso nell’intento di non lasciare impuniti gli autori di tali gesti, ricordando che gli stadi devono rimanere un luogo di svago e di sport in cui non può esserci posto per la violenza e l’illegalità".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi