Gemellaggio Vasto-Perth, il comitato perde pezzi: dimissioni di Molino e Giangiacomo - Il caso
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 29/10/2019

Gemellaggio Vasto-Perth, il comitato perde pezzi: dimissioni di Molino e Giangiacomo

Il caso

Vasto, 4 agosto 2019: Menna e Robson firmano il rinnovo del gemellaggio Vasto-PerthPerde pezzi il comitato per il gemellaggio Vasto-Perth. Due membri, Maria Molino e Guido Giangiacomo, hanno lasciato l'organismo destinato a decidere come celebrare il rinnovo dell'amicizia tra la città abruzzese e la metropoli del West Australia in cui risiedono migliaia di emigranti vastesi.

Si è dimessa nei giorni scorsi Maria Molino, consigliera comunale di Avanti Vasto (la lista civica di ispirazione socialista), presidente della Commissione Affari generali e istituzionali del Consiglio comunale e, in quanto tale, componente di diritto del comitato. Nel trentennale del gemellaggio del 1989, rimangono ancora molti i punti interrogativi su come celebrare la ricorrenza. Il protocollo del rinnovo del legame simbolico tra le due città è stato firmato il 4 agosto scorso nei giardini di Palazzo d'Avalos dal sindaco di Vasto, Francesco Menna, e dal secondo segretario console australiano, James Robson [LEGGI]. Per la prima volta, non sono stati due sindaci ad apporre la firma e stringersi la mano: il Comune di Perth, infatti, è commissariato.

Vasto, via Santa Maria: luminarie installate per il trentennale del gemellaggio con Perth. Ci sono le parole del ritornello della canzone dialettale Uaste bbè'lle, terra d'eureSecondo Maria Molino, è proprio questo il punto: "Mi sono dimessa - conferma a Zonalocale - perché nutro dei dubbi circa l'opportunità di organizzare un viaggio in Australia nel momento in cui a Perth non c'è un'amministrazione comunale in carica. Chi dovrebbe accoglierci, se non c'è un sindaco?".

Contrasti, inoltre, sarebbero emersi sui criteri di composizione della delegazione. In ogni caso, le decisioni verranno prese in Consiglio comunale, come ha chiarito di recente l'assessore ai Gemellaggi istituzionali, Luigi Marcello, e come ha chiesto il Pd tramite il segretario, Luciano Lapenna [LEGGI].

Prima di Molino aveva lasciato il comitato Guido Giangiacomo, consigliere comunale di Forza Italia: "Sui viaggi c'è da ragionare. Sono contento che si porti la questione in Consiglio comunale. Sulle spese che si vanno ad affrontare voglio vederci chiaro; per protesta, mi sono dimesso e non sono ancora stato sostituito perché, al momento, nessuno della minoranza vuol far parte del comitato, a conferma dei dubbi che ho espresso".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi