Lavoratrici ancora costrette ad attraversare al buio nella zona industriale di Gissi - Ieri una di loro ha rischiato l’investimento
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


11 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Gissi   Attualità 25/10/2019

Lavoratrici ancora costrette ad attraversare al buio nella zona industriale di Gissi

Ieri una di loro ha rischiato l’investimento

Con l'accorciarsi delle giornate torna l'incubo attraversamento nella zona industriale di Gissi. Dopo la segnalazione e le proteste di quasi un anno fa non è cambiato nulla per le lavoratrici della Canali [LEGGI]. 

Il tratto di strada in prossimità dello stabilimento, di competenza dell'Arap, è completamente al buio così come la pensilina per attendere l'autobus. Le lavoratrici che smontano dal lavoro si trovano così ad attraversare in condizioni di scarsa visibilità con le automobili che sopraggiungono a forte velocità considerato il lungo rettilineo.

Nel tratto interessato mancano anche le strisce pedonali e la soluzione per ora resta quella delle lavoratrici che fanno luce con la propria auto per illuminare l'attraversamento delle colleghe. Ieri un'operaia ha rischiato l'investimento.
La richiesta è la stessa di un anno fa: illuminare la zona per evitare pericoli per chi alla fine di una giornata lavorativa deve prendere l'autobus per tornare a casa.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi