"Quali sono le conseguenze dell’incendio in discarica?", la risposta stamattina a Pescara - Conferenza stampa di Regione, Arta e commissario del Civeta
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


11 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Cupello   Ambiente 23/10/2019

"Quali sono le conseguenze dell’incendio in discarica?", la risposta stamattina a Pescara

Conferenza stampa di Regione, Arta e commissario del Civeta

L'alta colonna di fumo dell'incendio"Conseguenze dell'incendio divampato lo scorso 20 ottobre nell'impianto consortile di Valle Cena a Cupello (Chieti)". È questo il tema della conferenza stampa che stamattina alle 10.30 si terrà nella sede di Pescara della Regione Abruzzo (sala Corradino D'Ascanio, III piano), in piazza Unione. Vi parteciperanno l'assessore all'Ambiente della Regione, Nicola Campitelli, il presidente della seconda commissione consiliare (Ambiente, Territorio e Infrastrutture) ed ex sindaco di Cupello, Manuele Marcovecchio, il direttore dell'Arta Abruzzo, Francesco Chiavaroli, e il commissario del consorzio intercomunale Civeta, Valerio De Vincentiis.

Singolare e inspiegabile scelta di location per una conferenza stampa sui gravi fatti che da oltre un anno hanno portato Valle Cena al centro della cronaca con il sequestro della vasca gestita dalla Cupello Ambiente e i ben 5 incendi in meno di due anni.

Difficilmente i cronisti locali che seguono la vicenda dalle prime battute potranno essere presenti per fare domande su quanto emergerà in conferenza stampa, ma oltre a questo sorprende la scelta della sede dell'appuntamento a fronte della preoccupazione di un intero territorio dopo il traumatico risveglio di lunedì [LEGGI].

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi