Società Cerella "tecnicamente in default", Lapenna e altri 6 chiedono Consiglio straordinario - Dopo le dichiarazioni di Giuliante il documento di 7 consiglieri di maggioranza
CHIUDI [X]
 
Vasto   Politica 22/10

Società Cerella "tecnicamente in default", Lapenna e altri 6 chiedono Consiglio straordinario

Dopo le dichiarazioni di Giuliante il documento di 7 consiglieri di maggioranza

Una seduta straordinaria del Consiglio comunale di Vasto. La chiedono sette consiglieri comunali di maggioranza per discutere della situazione finanziaria e occupazionale alla Cerella Autoservizi srl, società di trasporti di cui la Regione Abruzzo detiene il pacchetto di maggioranza attraverso la Tua spa (Trasporti unici abruzzesi, la compagnia regionale), mentre le partecipazioni di minoranza appartengono a diversi vettori privati.

Il documento, di cui è primo firmatario Luciano Lapenna (Pd), è indirizzato al presidente del Consiglio comunale, Mauro Del Piano, e al sindaco di Vasto, Francesco Menna. Nella premessa, i sette consiglieri citano alcune dichiarazioni del presidente della Tua, Gianfranco Giuliante, secondo cui Cerella è "tecnicamente in default"nonostante la ricapitalizzazione del dicembre 2018, quando nel capitale sociale sono stati immessi 500mila euro. A settembre "il collegio sindacale - si legge nel documento dei consiglieri di centrosinistra - ha espresso parere negativo sul bilancio semestrale e ha chiesto un fondo rischi pari al contenziosocon la Regione Abruzzo", operazione che, secondo la Tua, "comporterebbe l'erosione dell'intero capitale sociale e, conseguentemente, la messa in liquidazione e successiva decozione della società Cerella", di cui si sono dimessi tre componenti del consiglio d'amministrazione. 

"La società Cerella, a capitale pubblico regionale per l'80% e privato per la restante quota, serve quasi tutti i comuni cel Vastese". "Attualmente la società ha circa 80 assunti a tempo intederminato con residenza anagrafica a Vasto o nel territorio del Vastese" e "sede legale e amministrativa a Vasto". 

Inoltre, secondo i sette consiglieri di centrosinistra, "le dichiarazioni del presidente della società Tua, Giuliante, hanno creato allarmismo nelle maestranze e nelle rappresentanze sindacali". Per questo chiedono "la convocazione di un Consiglio comunale straordinario sull'argomento, al quale invitare ad intervenire il sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale d'Abruzzo con delega  ai Trasporti, Umberto D'Annuntiis, nonché gli organismi direttivi della società Tua spa e della società Cerella spa".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi