Matrimoni civili fuori dal municipio, ok solo per il d’Avalos: la Prefettura boccia gli altri siti - La lettera
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


9 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 22/10/2019

Matrimoni civili fuori dal municipio, ok solo per il d’Avalos: la Prefettura boccia gli altri siti

La lettera

Matrimonio in riva al mare (foto di repertorio)Solo Palazzo d'Avalos è un luogo idoneo per celebrare i matrimoni civili al di fuori del municipio. Le altre location, corrispondenti a 6 strutture private sul mare, sono state bocciate dalla Prefettura di Chieti.

Lo ha comunicato il vice prefetto, Gianluca Braga, in una lettera inviata al sindaco di Vasto, Francesco Menna. 

La lettera: "In riferimento - scrive Braga, dirigente dell'Area II dell'Ufficio territoriale del Governo - alla nota numero 46251 del 5 agosto scorso concernente", "si fa presente che, all'esame della delibera di Giunta comunale sopraindicata, a parere di questa Prefettura i siti e le modalità individuate per la celebrazione del matrimonio civile fuori dalla casa comunale - fatta eccezione per Palazzo D'Avalos - non rispettano i requisiti di esclusività e continuità delle destinazione, così come delineati dal Consiglio di Stato, con il parere numero 196/2014. Pertanto, il provvedimento in parola è stato trasmesso alla competente Direzione centrale del citato Ministero, al fine di avere un parere al riguardo".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi