1989-2019, 30 anni del gemellaggio Vasto-Perth: punti interrogativi sulla trasferta australiana - Il Pd vuole portare la questione in Consiglio comunale. Marcello: "Lo faremo"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 19/10/2019

1989-2019, 30 anni del gemellaggio Vasto-Perth: punti interrogativi sulla trasferta australiana

Il Pd vuole portare la questione in Consiglio comunale. Marcello: "Lo faremo"

Vasto, 4 agosto 2019: la firma del rinnovo del gemellaggio con PerthIl trentesimo anniversario va festeggiato, ma come? E chi deve andare in Australia a spese del Comune? Il 2019 è il trentennale del gemellaggio Vasto-Perth.

Se ne parlerà in Consiglio comunale, visto che la richiesta arriva dalla stessa maggioranza, in particolare dal Partito democratico. Lo ha confermato a Zonalocale il segretario cittadino del Pd, Luciano Lapenna. E lo conferma anche l'assessore ai Gemellaggi istituzionali, Luigi Marcello: "La delibera deve andare prima in Giunta, poi in Consiglio comunale".

Primo punto interrogativo: chi accoglierà la delegazione italiana? Il Comune di Perth è commissariato, non c'è un'amministrazione politica. "Ma i commissari straordinari - dice Marcello - ci hanno dato la loro disponibilità". 

Seconda questione: chi dovrà andare a Perth? Da decidere da quante persone e da chi sarà composta la delegazione istituzionale che andrà in Australia. E gli aspiranti a farne parte non sarebbero pochi.
Il Pd proporrà la discussione in Consiglio comunale. "C'è un apposito comitato - ricorda Marcello - composto da rappresentanti di maggioranza e opposizione e dal presidente dell'associazione Pro emigranti abruzzesi nel mondo, Gianni Petroro. Il Consiglio deciderà sulla trasferta di gennaio a Perth, sulle relative risorse e poi anche sul numero di componenti la delegazione vastese".

E poi c'è la domanda che non riguarda il cerimoniale, ma il futuro: i nipoti e pronipoti degli emigranti vogliono portare avanti e rinnovare il gemellaggio? Attualmente sembra piuttosto tiepido l'interesse delle nuove generazioni verso i rapporti con la terra d'origine dei loro nonni. Fermo restando che l'Australia è una delle mete dei nuovi emigranti: centinaia di ventenni e trentenni partiti di recente dal Vastese e, più in generale, dall'Abruzzo, dove di lavoro ce n'è troppo poco.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi