"Aveva reso impossibile la vita dell’ex": disposto il divieto di avvicinamento per un uomo - Stalking, dovrà tenersi lontano almeno un km
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 17/10/2019

"Aveva reso impossibile la vita dell’ex": disposto il divieto di avvicinamento per un uomo

Stalking, dovrà tenersi lontano almeno un km

Minacce, molestie, pedinamenti, insulti e appostamenti sotto casa nei confronti dell'ex. Un uomo ha reso la vita impossibile all’ex moglie tanto da costringerla ad alterare le proprie abitudini di vita e ad uscire di casa solo se accompagnata. Così, il giudice ha deciso di adottare nei confronti dell'uomo un'altra misura cautelare.

"La coppia si era separata ormai da tempo – spiega in una nota il commissariato di Vasto – e, in seguito alla denuncia sporta dalla donna, supportata dai certificati medici a seguito delle lesioni subite, l’uomo in passato era già stato imputato per i reati di maltrattamenti e lesioni, tanto che nei suoi confronti era stata emessa la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare, con la prescrizione di non avvicinarsi né all’ex moglie, né ai figli".

"Dopo la cessazione della predetta misura cautelare, avvenuta nello scorso agosto, l’uomo ha ripreso ad avere un atteggiamento aggressivo e molesto nei confronti della persona offesa. In un’occasione, in preda alla gelosia, l’aveva pedinata in pubblica via, minacciata, colpita sulla schiena con un telefono cellulare e aggredita verbalmente nonostante la presenza di altre persone".

"L’ultimo episodio risale al mese di settembre quando, dopo averla insultata nuovamente, le aveva sputato sul viso. La donna lo aveva avvertito che avrebbe chiamato la polizia scatenando così l’ira dell’ex marito che aveva reagito strattonandola e colpendola alle spalle con uno schiaffo, cagionandole lesioni. Tutti questi comportamenti hanno costretto la donna a subire ancora prevaricazioni e a vivere in un perdurante stato di paura e di soggezione". 

"A seguito dei fatti su descritti, il giudice del Tribunale di Vasto ha considerato la particolare personalità dell’uomo, incline ad atti di sopraffazione e ha ritenuto opportuno adottare nei suoi confronti una nuova misura cautelare, consistente nel divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa, mantenendo dalla stessa una distanza di almeno mille metri e con divieto di intrattenere con la predetta qualsiasi tipo di comunicazione telefonica, anche indiretta".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi