Atessa   Attualità 16/10/2019

Sevel, 14 turni persi, c’è la richiesta per la cassa integrazione

L’azienda di Cassino è ancora sotto sequestro, incerta la data di ritorno al lavoro

Sono già 14 i turni persi in Sevel a causa dello stop produttivo dovuto al sequestro dell’impianto FCA di Cassino dopo un incidente mortale avvenuto la settimana scorsa. Da venerdì è tutto bloccato e ad oggi, con il primo turno ancora fermo, non si vede ancora la luce in fondo al tunnel.

“A Cassino la situazione è ferma. - dice Amedeo Nanni, coordinatore Sevel per Fim-Cisl - Due giorni fa c’è stata la visita nello stabilimento laziale da parte del responsabile della Asl locale per controllare che tutte le prescrizioni fossero rispettate, ma ad oggi non abbiamo ancora notizie del suo 'responso'. I reparti che dovrebbero inviarci materiale sono ancora sotto sequestro e anche se abbiamo avuto la comunicazione ufficiale solo per il senza lavoro nel primo turno, con tutta probabilità, lo stop slitterà anche ai successivi due turni di oggi”.

Una situazione complicata che porta con sé disagi e problematiche anche per le aziende dell’indotto Sevel, come la Isringhausen, costretta a dare la cassa integrazione ai 380 operai dello stabilimento.

“Dall’azienda abbiamo notizie puntuali sui fermi e - spiega ancora Nanni a Zonalocale - siamo in trattativa per la richiesta della cassa integrazione per provare a recuperare questi giorni di lavoro che, con il sabato diventato ormai ordinario, non potrebbero essere recuperati in altro modo, ma siamo in attesa anche per questo”.

Insomma, ad una settimana dall’incidente di Cassino, la situazione è ancora assolutamente incerta e considerati i tempi necessari all’azienda del frusinate per essere in grado di inviare materiali ad Atessa (circa 16 ore in anticipo rispetto alla Sevel, ndr), è lecito pensare che il fermo potrebbe durare almeno un altro giorno. La produzione in Sevel è ormai ferma dall'11 ottobre.

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi

       

      Chiudi
      Chiudi