Querelò i suoi superiori e fu licenziata, la Cassazione: lavoratrice va reintegrata e risarcita - La sentenza definitiva
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


6 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

San Salvo   Cronaca 16/10/2019

Querelò i suoi superiori e fu licenziata, la Cassazione: lavoratrice va reintegrata e risarcita

La sentenza definitiva

Lo stabilimento Pilkington di San SalvoSarà reintegrata nel posto di lavoro e risarcita Laura Lugetti, dipendente licenziata dalla Pilkington dopo aver querelato i suoi superiori [LEGGI].

Il licenziamento era illegittimo. Lo ha statuito la sentenza definitiva della Corte di Cassazione

È stata depositata il 14 ottobre la sentenza numero 25799/2019 con la quale la Sezione Lavoro con cui la Suprema Corte, presieduta da Vittorio Nobile, "ha confermato l’illegittimità del licenziamento inflitto dalla Pilkington Italia Spa", spiega Laura Lugetti, assitita dall'avvocato Emanuele Pagliaro del Foro di Chieti.

La dipendente della fabbrica di San Salvo della multinazionale del vetro che produce parabrezza e finestrini era stata licenziata il 3 giugno del 2015 "per aver denunciato alcuni dirigenti di rilievo della Società per il reato di falsa testimonianza nel corso di una causa di lavoro".

Si conclude a favore della lavoratrice la vertenza al termine dei tre gradi di giudizio: il giudice del lavoro del Tribunale di Vasto aveva dato ragione all'azienda, poi la Corte d'Appello dell'Aquila aveva ribaltato la sentenza di primo grado, disponendo anche il risarcimento del danno e il rimborso delle spese processuali dei due gradi di giudizio.

Ora la Cassazione ha messo la parola fine sulla vicenda. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi