Grandine, acqua, incidenti: truffe di ogni genere. Carabinieri, indagini e campagna informativa - Truffatori in azione nel Vastese: ogni scusa è buona per tentare la frode
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


23 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 12/10/2019

Grandine, acqua, incidenti: truffe di ogni genere. Carabinieri, indagini e campagna informativa

Truffatori in azione nel Vastese: ogni scusa è buona per tentare la frode

(foto di repertorio)Ogni scusa è buona. Grandinata record? "Siamo gli addetti alla compilazione delle domande". Emergenza idrica? "Siamo tecnici della Sasi, dobbiamo controllare rubinetti e contatori".

Nel Vastese una truffa ad ogni emergenza. Con un doppio tranello teso dai malviventi: farsi consegnare soldi dai malcapitati e ripulire le loro case. In genere, si presentano in due: uno distrae la vittima e cerca di spillargli il denaro, l'altro rovista per casa a caccia di altri soldi e oggetti di valore. 

E, se non c'è emergenza, una scusa per tentare un imbroglio c'è lo stesso: "Suo figlio ha causato un incidente, siamo carabinieri", oppure "siamo avvocati" e chiedono un anticipo su un fantomatico risarcimento di danni mai esistiti. Episodi del genere erano stati denunciati già quattro anni fa: nel 2015, quando si stava diffondendo in Abruzzo la truffa dei finti incidenti stradali, i militari dell'Arma decisero di condurre una campagna informativa a tappeto fatta di incontri pubblici in molte città. Due giorni fa, a Vasto, l'ennesimo raggiro [LEGGI].

Gli ultimi anni - e anche i mesi recenti - dimostrano che la fantasia degli impostori è fervida. Di volta in volta, si spacciano per addetti di Enel, Sasi, compagnie telefoniche o messi comunali incaricati di riscuotere le tasse locali. Sono solo alcuni esempi, il repertorio è ampio. Lo dimostra l'inganno della frutta marcia. Due persone, una di mezza età, l'altra sui 25 anni, si avvicinano a un passante. L'uomo finge di conoscere quest'ultimo, come se avesse incontrato un vecchio amico a distanza di molti anni, e gli presenta il ragazzo: "Questo è mio figlio". Basta una stretta di mano col giovane per cadere nell'inganno: la vittima si presenta pronunciando il suo nome. A quel punto, i due truffatori prendono la palla al balzo, facendogli credere di conoscerlo per davvero. L'ignaro passante parla di sé e della sua famiglia e, a un certo punto, gli impbroglioni gli rifilano una cassetta di frutta. Sopra c'è quella buona, sotto quella marcia. Gli dicono che vale 80 euro ma, siccome è un amico, gliela danno a 50. Nel 2018 episodi come questo furono segnalati in tutta la penisola. Tre a Vasto. 

I carabinieri, però, sono passati alle contromosse. Ieri l'arresto di tre persone entrate in azione a Vasto, nella centralissima piazza Verdi [LEGGI]. E, nel prossimo futuro, ripartirà la campagna informativa per mettere in guardia tutti dalle periodiche ondate di frodi. Lo annuncia un comunicato dell'Arma: "È in programma una serie di incontri, di concerto con le amministrazioni comunali, finalizzati a mettere in guardia la cittadinanza dal diffidare da persone estranee che avvicinano, soprattutto persone anziane, fingendosi appartenenti alle forze dell’ordine, dipendenti pubblici, tecnici delle aziende di fornitura elettrica, gas o altro. In caso di dubbio chiamare il 112, non consentire l’accesso in casa a persone estranee e soprattutto non consegnare somme di danaro o monili preziosi. Medesima sensibilizzazione va rivolta agli operatori di istituti di credito e postali, la cui collaborazione nel segnalare prelievi inconsueti ed anomali soprattutto da parte di utenti anziani, come talvolta accade, è di valenza preziosa e scongiura eventi criminali di natura predatoria".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi