Operazione Clean Shirt, quattro condanne. La difesa: "Riconosciuta la lieve entità" - Le indagini erano iniziate da un colpo di pistola esploso contro una vetrina
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


23 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 09/10/2019

Operazione Clean Shirt, quattro condanne. La difesa: "Riconosciuta la lieve entità"

Le indagini erano iniziate da un colpo di pistola esploso contro una vetrina

Operazione: il materiale sequestrato nell'agosto del 2018Quattro condanne. Le ha stabilite il giudice del Tribunale di Vasto, Italo Radoccia, nel processo con rito abbreviato per l'operazione Clean Shirt.

Condannati a 2 anni e 6 mesi Cristina Spada, 43 anni; Piero Di Carlo, 32 anni, a 2 anni e 8 mesi; Mirko Di Giacomo, 36 anni, a 2 anni e 6 mesi; Achille De Rosa, 37 anni, a 8 mesi. L'accusa aveva chiesto pene superiori a quelle comminate dal gup. Erano accusati, a vario titolo, di spaccio e porto abusivo di armi.

Le indagini del Commissariato di Vasto erano partite da un inquietante episodio avvenuto tre anni fa, a ottobre del 2016, quando un colpo di pistola era stato esploso contro la vetrina di un negozio di corso Mazzini.

Ad agosto del 2018 la polizia aveva fatto scattare gli arresti.

Ieri la sentenza di primo grado. Soddisfatti gli avvocati difensori, Marisa Berarducci, Antonino Cerella e Raffaele Giacomucci: "Il giudice ha riconosciuto la lieve entità del fatto", commenta Cerella. "Accolta - dice Berarducci - la linea difensiva, con la conseguente diminuzione delle pene. Riguardo alla mia assistita, Cristina Spada, attendo il deposito della sentenza per proporre impugnativa in Corte d'Appello".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi