Cinghiali, altri 5 incidenti in meno di 24 ore a Vasto, Casalbordino e Torino di Sangro - Quattro impatti tra auto e ungulati sulla costa, uno in località San Lorenzo
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


15 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 05/10/2019

Cinghiali, altri 5 incidenti in meno di 24 ore a Vasto, Casalbordino e Torino di Sangro

Quattro impatti tra auto e ungulati sulla costa, uno in località San Lorenzo

Cinghiale morto a seguito di uno degli incidenti di due notti fa sulla statale 16In meno di 24 ore, cinque incidenti causati dai cinghiali a Vasto, Casalbordino e Torino di Sangro.

Due le auto danneggiate sulla statale 16, a distanza di pochi chilometri, a Casalbordino, nei pressi dell'area di servizio Portobello, e a Torino di Sangro due notti fa, tra le 23 e l'una. Due tratti di strada in cui già in passato si sono verificati ben più gravi impatti tra mezzi in transito e ungulati. In questo caso, gli automobilisti se la sono cavata senza gravi problemi alla loro incolumità, ma con le vetture danneggiate e l'esplosione di un airbag, causata dallo scontro con un cinghiale di grandi dimensioni. Sui luoghi di entrambi gli incidenti sono intervenuti forze dell'ordine e veterinario della Asl. "Anche viaggiando a 50 all'ora, sono inevitabili, perché sbucano all'improvviso", racconta uno degli automobilisti coinvolti. 

Altri cinghiali sulla statale 16 hanno causato ulteriori incidenti ieri pomeriggio sulla costa vastese, in particolare a Casarza e San Nicola e anche lontano dal litorale, nella parte occidentale del territorio comunale, in contrada San Lorenzo

Oltre duemila le firme raccolte dal comitato Terre di Punta Aderci, presieduto da Michele Bosco, per sostenere la petizione popolare in cui promotori dell'iniziativa, automobilisti e agricoltori chiedono al governo regionale di intervenire per abbattere gli ungulati in sovrannumero. Fino ad ora, la loro richiesta è caduta nel vuoto. 

Tre giorni fa, in occasione della riapertura della stagione venatoria, un esemplare da 180 chili è stato abbattuto da alcuni cacciatori a Lentella, nelle vicinanze del fiume Treste [LEGGI].

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi