Collegamento veloce tra le arterie principali: una nuova strada da corso Mazzini a via del Porto - L’atto di indirizzo è stato approvato dal Consiglio comunale
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


2 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 04/10/2019

Collegamento veloce tra le arterie principali: una nuova strada da corso Mazzini a via del Porto

L’atto di indirizzo è stato approvato dal Consiglio comunale

Vasto, nuova strada di collegamento corso Mazzini-via del Porto, la planimetriaLe due arterie principali di Vasto saranno collegate. Una nuova strada unirà corso Mazzini e via del Porto, consentendo di passare velocemente dall'uno all'altro asse viario che attraversano longitudinalmente la città.

Il via libera all'opera pubblica è arrivato martedì in Consiglio comunale tramite un atto di indirizzo approvato dalla maggioranza di centrosinistra.

Inizia così un iter urbanistico complesso, che porterà alla costruzione di una via che ricorda il mai realizzato quarto lotto della circonvallazione Istoniense. Mai fatto perché, nel frattempo, sul tracciato previsto dal progetto, risalente agli anni Ottanta, sono stati costruiti degli edifici. E proprio all'altezza dell'incrocio tra corso Mazzini, la circonvallazione, via Incoronata e via San Sisto si innesterà la futura bretella, lunga 450 metri, 150 dei quali già esistenti da corso Mazzini a via Bosco (tratto che andrà, comunque, adeguato in termini di reti sotterranee, illuminazione e marciapiedi), gli altri 300 da fare ex novo. La carreggiata sarà larga 14 metri.

La procedura è solo all'inizio: va fatto ancora il progetto preliminare, il costo va definito. "Comunque - spiega il sindaco, Francesco Menna - questa importante opera pubblica sarà finanziata, in parte, con gli oneri di urbanizzazione primaria del comparto edilizio CO46. La realizzazione sarà suddivisa in stralci funzionali che potranno avere anche forme diverse di finanziamento".

 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi