Tari, 900 vastesi rischiano sanzioni fino alla denuncia. "Tutti saranno controllati" - Lotta all’evasione fiscale
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 giugno 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 03/10/2019

Tari, 900 vastesi rischiano sanzioni fino alla denuncia. "Tutti saranno controllati"

Lotta all’evasione fiscale

A sinistra: Maurizio FranceschiniSono 900 i vastesi che rischiano sanzioni per aver evaso o eluso la tassa sui rifiuti. 

Il dato è emerso nella conferenza stampa sulla lotta all'evasione fiscale, tenuta stamani dal sindaco di Vasto, Francesco Menna, con gli assessori a Tributi locali, Gabriele Barisano, e Polizia locale, Luigi Marcello, i dirigenti comunali Vincenzo Toma e Maurizio Franceschini, e il comandante della polizia locale di Vasto, Giuseppe Del Moro. 

"Le verifiche - ha spiegato Franceschini - sono cominciate dall'analisi delle posizioni aperte presso la Camera di commercio e gli ordini professionali in base alla media di superfici dichiarate per ogni categoria e, incrociando i dati, si è arrivati a queste ipotesi".

Dei 900 finiti nel mirino dell'Ufficio tributi ed entrate del municipio, "molti cittadini verranno a mettersi in regola. Poi cominceremo una serie di accessi in uffici e piattaforme commerciali. Tutti saranno controllati dalla nostra polizia tributaria". 

I blitz, dunque, saranno demandati alla polizia locale: "Abbiamo - ha detto Del Moro - un apposito nucleo di polizia tributaria che eseguirà gli accertamenti sulla base di una programmazione. Il numero di agenti destinati a questo servizio lo stabiliremo in base alle esigenze".

Nei casi più gravi, scatteranno le denunce penali.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi