La Cbi di Gissi conferma la chiusura: al vaglio ipotesi di riconversione - Ieri l’incontro nella sede vastese di Confindustria
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


15 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Gissi   Attualità 02/10/2019

La Cbi di Gissi conferma la chiusura: al vaglio ipotesi di riconversione

Ieri l’incontro nella sede vastese di Confindustria

La Cbi di Gissi chiude. Dopo averlo confermato nell'incontro dello scorso 10 settembre in Regione [LEGGI], la proprietà dell'azienda lo ha ribadito anche ieri, nella sede vastese di Confindustria Chieti-Pescara, alla presenza dei rappresentanti sindacali e di Confindustria.

Non si torna indietro, quindi, rispetto alla procedura di licenziamento collettivo avviata il 29 agosto dall'azienda che produceva - ormai il verbo al passato sembra essere d'obbligo - aspiratori e ventilatori ad uso industriale. 

Nell'incontro "l'azienda ha confermato tutte le medesime condizioni che allo stato attuale non permettono di immaginare una soluzione diversa dalla cessazione dell'attività e risoluzione dei rapporti di lavoro in essere", si legge nel verbale di incontro.

Per i 31 lavoratori l'unico barlume di speranza resta quello du una riconversione. La direzione aziendale ha infatti "confermato il proprio impegno a ricercare e verificare possibili soluzioni imprenditoriali". Non ci sono conferme su questo aspetto ma sembrerebbe che qualche trattativa sia stata già avviata.

Ancora una volta i rappresentanti sindacali hanno chiesto di poter avviare soluzioni alternative ai licenziamenti e invitato i vertici aziendali a dare concretezza ai contatti con altre realtà produttive che potrebbero salvatguardare i livelli occupazionali.

Si tornerà al tavolo di Confindustria il prossimo 9 ottobre con l'auspicio che per i lavoratori possano arrivare, finalmente, buone notizie.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi