"D’estate il caos, d’inverno il rifugio dei ladri, a San Michele le giostre: per noi non c’è pace" - Vasto Marina, nell’area della ex stazione residenti esasperati
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   L'angolo dei lettori 01/10/2019

"D’estate il caos, d’inverno il rifugio dei ladri, a San Michele le giostre: per noi non c’è pace"

Vasto Marina, nell’area della ex stazione residenti esasperati

Vasto Marina, piazza Fiume: l'accesso al luna parkResidenti esasperati nel quartiere attorno alla ex stazione ferroviaria. Non riescono a trovare pace gli abitanti di piazza Fiume e dell'area di risulta del vecchio scalo ottocentesco, trasformato in parcheggio nel 2008, tre anni dopo il passaggio dell'ultimo treno sulla vecchia strada ferrata, sostituita dalla galleria che si snoda nel sottosuolo di Vasto.

Raccontano i residenti che le festività patronali hanno messo a dura prova la loro pazienza: come lo scorso anno, il luna park è stato sistemato nei due piazzali attorno alla ex stazione, con uno spazio disponibile inferiore a quello del 2018, vista la presenza del cantiere in cui non sono ancora tornati a regime, dopo la pausa estiva, i lavori di costruzione della Via Verde della Costa dei Trabocchi, la pista ciclopedonale da Francavilla al Mare a Vasto.

Molti i disservizi segnalati: oltre al rumore e alla musica alta fino a tarda sera, accessi alle case parzialmente ostruiti, in modo da non consentire, in alcuni casi, il rientro in auto, ma anche gli spazi angusti tra una giostra e l'altra, tant'è che, in un tratto, non era possibile neanche l'eventuale transito dei mezzi di soccorso o di pubblica sicurezza. Ma i problemi non sono legati solo ai giorni delle feste patronali. "D'estate - raccontano - i rumori e il buio; a San Michele le giostre; d'inverno l'abbandono e la quasi totale assenza di controlli, tant'è che spesso vediamo auto sospette parcheggiate nella semioscurità e abbiamo paura, visto che, lo scorso anno, proprio questa zona è stata usata come nascondiglio per due rapine. Quano verrà riconosciuto anche a noi, come a tutti i cittadini che pagano le tasse, il diritto alla tranquillità e al riposo?".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Chiudi
Chiudi