Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Attualità 30/09/2019

Quattro nuovi comuni entrano nella famiglia Ecolan

Salgono a 51 le comunità servite dalla società di gestione rifiuti

Fara San Martino, Gessopalena, Roccascalegna e Quadri. Questi i nuovi comuni che entrano in Ecolan, da domani, martedì 1 ottobre. I nuovi ingressi fanno così salire a 51 le comunità direttamente servite dalla società di gestione rifiuti. Il servizio di igiene urbana, in questi comuni, era gestito dalla Rieco, appalto di cui Ecolan stessa è stata committente 7 anni fa e che ora, per i comuni in partenza, giunge a naturale scadenza così com’è stato per i 16 comuni entrati lo scorso 23 luglio.

I comuni svolgono già il porta a porta e la media di raccolta differenziata stimata per il bacino, a dicembre 2018, è dell’80%. L’obiettivo di Ecolan è quindi quello di mantenere e migliorare il dato razionalizzando ancora di più le risorse in base alle esigenze del territorio attraverso l’implementazione di nuovi calendari in cui la frazione del secco residuo verrà ritirata quindicinalmente e non più settimanalmente.

 “Con l’ingresso di questi comuni si va completando un quadro di cui siamo molto orgogliosi, - afferma il presidente Massimo Ranieri - la quasi totalità dei comuni che 7 anni fa hanno commissionato ad Ecolan la gestione dell’appalto, ha deciso di affidare i servizi di igiene urbana alla sua azienda in house”.

Il personale Ecolan, intanto, ha svolto e sta svolgendo incontri pubblici con i cittadini dei territori interessati per presentare le novità del servizio. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi