Salvezza del Tribunale di Vasto, il 21 ottobre l’audizione alla Camera dei deputati - Melone: "Io e il presidente Giangiacomo convocati dall’intergruppo parlamentare"
CHIUDI [X]
 
Vasto   Attualità 27/09

Salvezza del Tribunale di Vasto, il 21 ottobre l’audizione alla Camera dei deputati

Melone: "Io e il presidente Giangiacomo convocati dall’intergruppo parlamentare"

Vittorio MeloneA Roma per perorare la causa del Tribunale di Vasto. Ed esporre le ragioni per cui il palazzo di giustizia di via Bachelet deve rimanere aperto.

I presidenti del Tribunale, Bruno Giangiacomo, e dell'Ordine degli avvocati, Vittorio Melone, spiegheranno ai deputati le motivazioni che rendono necessario salvare dalla mannaia della chiusura la sede giudiziaria che funge da cerniera tra l'Abruzzo e le infiltrazioni della criminalità dalle regioni meridionali. 

"Siamo stati convocati per la mattina del 21 ottobre a Montecitorio per l'audizione davanti all'Integruppo parlamentare sul tema della geografia giudiziaria, presieduto dall'onorevole Elisa Scutellà e del quale è componente la deputata di Vasto, Carmela Grippa", dice Melone a Zonalocale. "Insieme al presidente Giangiacomo, saremo ascoltati dall'intergruppo, istituito per volontà del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede".

Quattro i Tribunali abruzzesi dichiarati soppressi dalla riforma iniziata dal Governo di centrodestra con l'allora ministro Francesco Nitto Palma e portata a termine da Paola Severino, guardasigilli nel Governo Monti: Vasto, Lanciano, Avezzano e Sulmona sono, comunque, rimasti aperti a colpi di proroghe, che scadono nel 2021. Vasto e Lanciano, con l'accordo di Comuni e Ordini forensi, hanno anche elaborato una proposta di accorpamento in un unico Tribunale con funzioni differenti.

A ottobre inizierà la fase decisiva.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi